News ed Eventi
 
QUANDO E DOVE CERTE IDEE TORNANO DI MODA?

NEGAZIONISMO. GIOVANARDI (IDEA): FAR TORNARE DDL IN COMMISSIONE

QUELLA NORMA E' UN PASTICCIO MA IL PD NON VUOLE ASCOLTARCI

NO AL REATO DI NEGAZIONISMO. LA STRANA ALLEANZA STORICI - GIOVANARDI

Poliziotti e Carabinieri hanno torto anche quando hanno ragione

DIBATTITO SUL DDL SUL NEGAZIONISMO

Negazionismo: Giovanardi, bloccata vergognosa proposta

Senato: quel pasticciaccio brutto su genocidio e negazionismo

Negazionismo: Giovanardi, resta solo aggravante contro Israele

BIANCHINI SOCCORRE GIOVANARDI "LHO MESSO IN DIFFICOLTA', NON VOLEVO

AEMILIA, SGONFIATE LE ACCUSE ALLA POLITICA

STRAGE DI USTICA: CARTE ANCORA SEGRETATE

Aemilia, Giovanardi (Idea): Il tempo e' galantuomo, ma chiarire ruolo Cc

Giovanardi: "Un mio dovere telefonare alla prefettura"

Aemilia, Giovanardi si difende sul caso Bianchini. Guarda i video

Aemilia: Giovanardi,continuerò a tutelare imprese territorio

Aemilia: Giovanardi, Cantone rivedrebbe metodo white list

Aemilia: Giovanardi, pressioni? Solo dovere di parlamentare

Aemilia: Giovanardi, fatto tutto alla luce del sole

Giustizia:Giovanardi,no governo a autorizzazione squadre Ue

Giustizia: scontro in commissione Senato su depistaggio

USTICA. GIOVANARDI: CON SEGRETO STATO IPOCRITA CERIMONIA 9 MAGGIO

«Altro che “adozioni internazionali in crescita”...»

CASO USTICA: «Togliere il segreto al dossier del Lawrence d’Arabia italiano»

USTICA: GIOVANARDI, GOVERNO DOPO 36 ANNI TOLGA SEGRETO DI STATO

Adozioni: Giovanardi(Idea), a rischio rapporti con la Russia

TRIVELLE. GIOVANARDI: RIDIMENSIONATO AMBIENTALISMO UTOPICO

Caso Uva: Giovanardi, forze ordine vittime solito linciaggio

OMOFOBIA. GIOVANARDI: SCALFAROTTO APPLAUDE CHI IMPICCA GLI OMOSESSUALI

ADOZIONI. GIOVANARDI: INCONTRO GIOIOSO O SEGRETA OPERAZIONE DI POLIZIA?


Archivio news
 
 


QUANDO E DOVE CERTE IDEE TORNANO DI MODA?



Ogni riferimento al disegno di legge sul negazionismo attualmente sostenuto al Senato dal Governo Renzi e dalla maggioranza PD più AP non è puramente casuale.


Leggi il contenuto... (42 letture)


NEGAZIONISMO. GIOVANARDI (IDEA): FAR TORNARE DDL IN COMMISSIONE
(DIRE) Roma, 30 apr. - "La capacita' di ascolto del Parlamento sarebbe davvero testimoniata martedi' prossimo da un ritorno in Commissione Giustizia del Senato del Disegno di Legge sul negazionismo, ancora all'attenzione dell'aula, per non lasciare senza risposta le autorevoli voci che si sono alzate dalla societa' civile a favore di una riflessione piu' approfondita sui grandi temi della liberta' di opinione e di ricerca storica in un paese democratico e la necessita' di ricordare sempre, soprattutto alle giovani generazioni, l'abominio rappresentato dall'olocausto del popolo ebraico da parte della barbarie nazista". Cosi', il senatore Carlo Giovanardi, di Idea.
Leggi il contenuto... (16 letture)


QUELLA NORMA E' UN PASTICCIO MA IL PD NON VUOLE ASCOLTARCI
Leggi il contenuto... (95 letture)


NO AL REATO DI NEGAZIONISMO. LA STRANA ALLEANZA STORICI - GIOVANARDI

Leggi il contenuto... (42 letture)


Poliziotti e Carabinieri hanno torto anche quando hanno ragione

Carlo Giovanardi

29 Aprile 2016  L'OCCIDENTALE

I sei poliziotti e i due carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale nei confronti di Giuseppe Uva in quel di Varese, sono stati assolti perché "il fatto non sussiste", su conforme richiesta anche del Pubblico ministero. Si è conclusa così dopo otto anni di calvario la triste vicenda  di servitori dello Stato, di cui diversi Pubblici ministeri avevano invano chiesto il proscioglimento, mentre il senatore Luigi Manconi del Partito Democratico conduceva una martellante campagna di criminalizzazione.

Pochi giorni dopo l'assoluzione la signora Lucia Uva, querelata da uno dei poliziotti, di cui aveva anche postato la foto su Facebook, è stata a sua volta assolta dall'accusa di diffamazione aggravata perché secondo il giudice monocratico “il fatto non costituisce  reato”. La Uva  aveva definito “delinquenti” ed “assassini”  i carabinieri e poliziotti da lei inoltre accusati  di aver  picchiato il fratello e di aver addirittura abusato sessualmente di lui.

Il Pubblico  ministero nella sua requisitoria, nel caldeggiare la condanna, aveva sottolineato come: "sono stati  affermati come veri fatti non desumibili dai dati processuali per additare  poliziotti e carabinieri, a distanza di anni come stupratori e  sadici picchiatori  di persone indifese”.

Tutto questo avviene nel più assoluto silenzio rispettivamente  del Presidente del Senato, di quello della Camera e dei ministri competenti, che si guardano bene dall'esprimere la loro soddisfazione quando viene  riconosciuta la piena innocenza di servitori dello Stato, assolti  da infamanti accuse, e fanno finta di niente  davanti ad una continua semina di odio nei loro confronti, salvo ipocritamente intervenire con lacrime di coccodrillo quando perdono  la vita "nell'adempimento del dovere".

Leggi il contenuto... (176 letture)


DIBATTITO SUL DDL SUL NEGAZIONISMO
La Commissione Giustizia del Senato aveva stabilito pressoché all'unanimità che l'aggravante di negazionismo sarebbe scattata soltanto se la istigazione fosse stata pubblica. Giovedì mattina in Aula del Senato scavalcando la Commissione è stato presentato un emendamento sostitutivo del testo della Commissione concordato tra PD, NCD e Governo a firma Nico D'Ascola che trascriviamo di seguito:

1.401 D'ASCOLA Sostituire l'articolo 1, con il seguente:

«Art. 1. - 1. All'articolo 3 della legge 13 ottobre 1975, n. 654, e successive modificazioni, dopo il comma 3 è aggiunto, in fine, il seguente comma:

"3-bis. Si applica la pena della reclusione da due a sei anni se la propaganda, ovvero l'istigazione e l'incitamento commessi in modo che derivi concreto pericolo di diffusione, si fondano in tutto o in parte sulla negazione della shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l'umanità e dei crimini di guerra, come definiti dagli articoli 6, 7 e 8 dello statuto della Corte penale internazionale, ratificato ai sensi della legge 12 luglio 1999, n. 232"».

Su questo emendamento si è acceso un vivace dibattito che ha impegnato l'Aula fino alle 14 rinviando poi l'esame del testo alla prossima settimana.

L'argomento è di grande importanza perché riguarda il tema fondamentale della libertà di opinione: a seguito trascriviamo gli interventi svolti in Aula dal sen. Giovanardi,  VISIBILE CLICCANDO SU LEGGI IL CONTENTO!!!.

Leggi il contenuto... (65 letture)


Negazionismo: Giovanardi, bloccata vergognosa proposta
(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Abbiamo bloccato in aula una vergognosa proposta elaborata nella notte dalla maggioranza con l'appoggio del Governo, che parifica il negazionismo di tragedie storiche come quello dell'Olocausto del popolo ebraico a decine di fattispecie definite crimini di guerra, comprese quelle azioni che comportano soltanto danni alle cose e non alle persone. Addirittura, un emendamento del relatore, degno di una battuta alla Checco Zalone, prevede, la condanna da due a sei anni di reclusione se la propaganda (di superiorità etnica o razziale) viene "commessa in modo che derivi concreto pericolo di diffusione", dimenticando che propaganda e diffusione sono termini sinonimi". Lo afferma il senatore di "Idea" Carlo Giovanardi commentando l'esame di oggi in Aula del ddl sul negazionismo. "Ribadisco che questa norma, così come scritta, in realtà rischia di colpire Israele, da più parte accusato di crimini di guerra a sfondo etnico e razziale, paralizzando con la minaccia di pesanti sanzioni penali chi vuol difendere le sue ragioni", conclude. (ANSA).
Leggi il contenuto... (64 letture)


Senato: quel pasticciaccio brutto su genocidio e negazionismo
Da: "L'Occidentale" del 27 aprile 2016. LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (67 letture)


Negazionismo: Giovanardi, resta solo aggravante contro Israele
(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il disegno di legge intitolato "Contrasto e repressione dei crimini di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra" non ha più nulla a che fare con il negazionismo dell'Olocausto e del popolo ebraico che ne avrebbe in qualche modo giustificato l'approvazione ma si è trasformato in uno strumento di accusa, comportante fino a cinque anni di carcere per chi vuole difendere lo Stato di Israele". Così il senatore Carlo Giovanardi intervenendo in Aula al Senato. "L'aggravante della legge Mancino applicata a decine e decine di fattispecie previste dagli artt.7 e 8 dello Statuto della Corte penale internazionale (crimini contro l'umanità e crimini di guerra) per chi semplicemente propaganda idee fondate sulla superiorità razziale o etnica rientrano nello schema delle organizzazioni internazionali e dei regimi totalitari che vogliono colpire Israele proprio da questo punto di vista quando esercita il suo sacrosanto diritto di difesa", conclude. (ANSA).
Leggi il contenuto... (94 letture)


BIANCHINI SOCCORRE GIOVANARDI "LHO MESSO IN DIFFICOLTA', NON VOLEVO
BIANCHINI SOCCORRE GIOVANARDI "LHO MESSO IN DIFFICOLTA', NON VOLEVO


Leggi il contenuto... (218 letture)


AEMILIA, SGONFIATE LE ACCUSE ALLA POLITICA
AEMILIA, SGONFIATE LE ACCUSE ALLA POLITICA, CASO BIANCHINI CHIARIRE RUOLO DELL'ARMA


Leggi il contenuto... (85 letture)


STRAGE DI USTICA: CARTE ANCORA SEGRETATE
Da: "Il Corriere della Sera" del 23 aprile 2016. LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (65 letture)


Aemilia, Giovanardi (Idea): Il tempo e' galantuomo, ma chiarire ruolo Cc
(ilVelino/AGV NEWS) Roma, 23 APR - Il tempo e' galantuomo e dopo poco piu' di un anno la prima tranche della megainchiesta Aemilia si e' conclusa con pesanti condanne per gli affiliati alla 'ndrangheta, mentre si sgonfia clamorosamente per tutta la parte che riguarda la politica, con l'assoluzione, perche' il fatto non sussiste, di Giuseppe Pagliani, il capogruppo di Forza Italia di Reggio Emilia, a suo tempo arrestato, e l'archiviazione per Paolo Bernini, sempre di Forza Italia, di Parma, perche' e' caduta l'accusa di associazione mafiosa". Lo scrive in una nota il senatore Carlo Giovanardi, che prosegue: "Il tecnico comunale di Finale Emilia Giulio Gerrini, e' stato condannato per abuso d'ufficio, ma senza l'aggravante mafiosa, come gia' il ministero degli Interni non aveva ravvisato infiltrazioni mafiose nel comune di Finale Emilia. Chi vuol bene alle Istituzioni non puo' che rallegrarsi di questa assoluzione e prima che qualche grillino chieda le dimissioni anche dei giudici, sara' meglio richiamare tutti al rispetto di regole costituzionali secondo le quali un cittadino non e' colpevole sino a sentenza passata in giudicato". 
 "Quando poi non si tratta di reati, ma di atti amministrativi come le interdittive per mancata iscrizione alla white list - prosegue il senatore di Idea -, a maggior ragione deve prevalere l'equilibrio e la trasparenza: per questo voglio sapere da chi e' stata scritta quell'incredibile informativa dei carabinieri, viziata da analfabetismo costituzionale, che contesta le prerogative parlamentari e se per caso non abbia attinenza con le affermazioni di Walter Pastena che, al telefono con Gianluca Gemelli, ex compagno del ministro Federica Guidi, parlava di 'un regalo che i carabinieri sono venuti a portarmi un ufficio' aggiungendo 'tu non ti ricordi quello che io ti dissi, che c'era un'indagine, quelli che hanno arrestato a Mantova e a Reggio Emilia, i Cutresi, quelli della 'ndrangheta no?, perche' chi ha fatto le indagini e' il mio migliore amico e adesso ci stanno le foto di Delrio con questi'", conclude Giovanardi. 
Leggi il contenuto... (73 letture)


Giovanardi: "Un mio dovere telefonare alla prefettura"

Leggi il contenuto... (196 letture)


Aemilia, Giovanardi si difende sul caso Bianchini. Guarda i video
  


Leggi il contenuto... (124 letture)


Aemilia: Giovanardi,continuerò a tutelare imprese territorio
(ANSA) - MODENA, 22 APR - "Rivendico il diritto e il dovere, come parlamentare, di aver svolto in passato e continuare a svolgere anche in futuro in Parlamento, una mia posizione critica sulla gestione in Emilia-Romagna della white list e delle interdittive antimafia, con più atti formali di Sindacato Ispettivo a cui il Governo ha dato risposta condividendo alcune delle mie osservazioni, con interventi specifici sulla materia in Aula e attraverso un confronto pubblico con prefetti e questori in Commissione Antimafia, quando si riunì a Modena a Reggio Emilia". Lo dichiara in una nota, successiva alla sua conferenza stampa, il senatore di Idea Carlo Giovanardi, in merito alle sue presunte pressioni per far includere nella white list delle aziende esenti dal pericolo di infiltrazioni mafiose la ditta Bianchini di San Felice sul Panaro, nel Modenese. "Mi sono fatto carico e continuerò a farmi carico della tutela delle imprese del territorio - prosegue Giovanardi - non soltanto la Bianchini, poi fallita, naturalmente prima che il titolare fosse incriminato per concorso esterno in associazione mafiosa, ma anche, fra le altre, la Baraldi, la Geco, la Resintec e la Lobello, a cui le interdittive sono state poi revocate. Non ho condiviso poi alcune scelte della prefettura - prosegue il senatore - come la richiesta di sciogliere il Comune di Finale per infiltrazione mafiosa, cestinata dal Ministero degli Interni, o interdittive costruite semplicemente su rapporti di parentela o di affinità di imprenditori con persone compromesso con la criminalità organizzata, giustamente annullate dal Consiglio di Stato". Giovanardi afferma di voler continuare "a svolgere questa funzione di controllo sugli atti della Pubblica Amministrazione, associandomi in pieno alle osservazioni del dottor Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, che ho recentemente incontrato a Roma, sulla necessità di combattere duramente e senza sconti la criminalità organizzata, senza distruggere imprese e occupazione sul territorio. Rivendico anche il merito di aver contribuito al salvataggio della CPL di Concordia - aggiunge il senatore di Idea - attraverso l'approvazione di una norma da me suggerita e diventata legge, che avrebbe evitato tanti guai alle imprese precedentemente colpite che prevede la nomina di un commissario per gestire un'impresa interdetta, prima che non si chiarisca la situazione o vengano rimossi i pericoli di infiltrazione mafiosa". (ANSA).

Leggi il contenuto... (58 letture)


Aemilia: Giovanardi, Cantone rivedrebbe metodo white list
(ANSA) - MODENA, 22 APR - "Anche il commissario Cantone in un'intervista mi ha dato ragione sul fatto che il meccanismo della white list è da rivedere". Lo ha detto a Modena il senatore di Idea Carlo Giovanardi. "Non è possibile che un imprenditore con un lontano parente indagato o condannato sia automaticamente colpito dall'interdittiva - ha proseguito Giovanardi - perché così si mettono a rischio aziende e posti di lavoro. Se la Cpl si è salvata è grazie alla novità introdotta da me, secondo cui le imprese colpite da interdittiva possono continuare l'attività con un commissario". (ANSA).
Leggi il contenuto... (56 letture)


Aemilia: Giovanardi, pressioni? Solo dovere di parlamentare
(ANSA) - MODENA, 22 APR - "Io ho solo fatto il mio dovere di parlamentare, spendendomi per le aziende del mio territorio e per fare cambiare un meccanismo della white list che considero troppo penalizzante". Lo ha detto il senatore di Idea Carlo Giovanardi replicando agli articoli pubblicati su L'Espresso e sulla Gazzetta di Modena in cui si evidenziavano le sue presunte pressioni sulla prefettura di Modena per riabilitare la ditta Bianchini quando fu esclusa dalla white list delle aziende ritenute non a rischio di infiltrazioni mafiose. "Quando mi sono interessato della vicenda - dice Giovanardi - Augusto Bianchini non era ancora accusato di nulla. Adesso c'è un processo e quando si entra nel penale sono il primo a dire che i giudici faranno il loro lavoro. Se ho chiamato il prefetto e il capo di gabinetto Ventura è perché volevo delle spiegazioni ed era mio compito chiederle". (ANSA).
Leggi il contenuto... (58 letture)


Aemilia: Giovanardi, fatto tutto alla luce del sole
(ANSA) - MODENA, 22 APR - "Ho depositato interrogazioni parlamentari per tutte le aziende colpite da interdittiva ed escluse dalla white list. Non solo per la Bianchini, ma anche per la Baraldi e la Cpl, facendo tutto alla luce del sole". Lo ha detto a Modena il senatore di Idea Carlo Giovanardi, dopo gli articoli che parlano di su presunte pressioni. "Se un imprenditore che rischia di fallire si facesse avanti domani per chiedermi una mano - ha aggiunto - lo farei di nuovo. Io non ho ricevuto mai regali da nessuno. I figli di Bianchini sono venuti a trovarmi in ufficio solo per scusarsi di come si era evoluta al vicenda. Chi ha scritto negli atti della mia 'inspiegata azione politico-istituzionale dovrebbe vergognarsi, io ho fatto il mio dovere di parlamentare eletto dal suo territorio". (ANSA).
Leggi il contenuto... (46 letture)


Giustizia:Giovanardi,no governo a autorizzazione squadre Ue
Bocciato mio emendamento che prevedeva obbligo autorizzazione (ANSA) - ROMA, 21 APR - "E' bene che gli italiani sappiano che il governo Renzi ha consentito un'altra spallata allo Stato di diritto e alla divisione dei poteri dando indicazione di bocciare un mio emendamento oggi al Senato per il rotto della cuffia (97 voti contrari, 97 fra favorevoli e astenuti) che subordinava a un'autorizzazione da parte del ministro della Giustizia la possibilità di costituire squadre investigative comuni con altri stati membri dell'Unione europea o addirittura non facenti parte della stessa". Lo afferma in una nota il senatore di "Idea" Carlo Giovanardi. "Nel testo della Convenzione relativa all'assistenza giudiziaria in materia penale, così ratificata dal Senato rimane scritto che ognuna delle più di cento Procure della Repubblica potrà autonomamente sottoscrivere accordi internazionali con paesi stranieri, dove avranno ovunque come interlocutore un governo sovrano, se concluse con un paese europeo senza neppure avvertire il nostro Ministro della Giustizia, se con un paese fuori dall'Unione europea semplicemente dandogli comunicazione dell'accordo già concluso", aggiunge. "Si scardinano così principi fondamentali della nostra Costituzione e del nostro ordinamento democratico consentendo così ai singoli Procuratori fuori dal controllo del Governo e del Parlamento di trattare e concludere con altri Stati accordi internazionali in una materia così delicata", conclude Giovanardi.(ANSA).

Leggi il contenuto... (23 letture)


Giustizia: scontro in commissione Senato su depistaggio
FI, testo scritto da dilettanti; Pd, vogliono rallentare tempi 
(ANSA) - ROMA, 21 APR - Scontro in commissione Giustizia del Senato sul ddl che introduce il reato di depistaggio. Oggi è stato fissato a lunedì 2 maggio, alle 12, il termine per le presentazione degli emendamenti, ma Forza Italia e "Idea", con Francesco Nitto Palma e Carlo Giovanardi hanno attaccato pesantemente il provvedimento licenziato dalla Camera. Palma ha parlato di "testo scritto da dilettanti", mentre Giovanardi di "ennesima dimostrazione di quando si vuol fare, non una legge, ma un proclama" anche perché il termine "depistaggio" "non è tecnico, ma coniato dai giornali". "Se si intende colpire reati specifici bene, noi ci stiamo - afferma Giovanardi - ma se si vogliono solo introdurre nel codice termini politico-giornalistico tanto per fare propaganda allora no". "Questo dibattito poi rischia di diventare surreale - prosegue - quando si affrontano temi del genere parlando di fatti come quello di Ustica sul quale dopo 36 anni ancora esiste il segreto di Stato". "Anzi, a questo proposito avverto che l'intera commissione Giustizia di Palazzo Madama si è schierata all' unanimità a favore della richiesta da noi inoltrata alla presidenza del Consiglio di togliere il segreto di Stato su Ustica". "Ci sono molte falle in questo provvedimento - conclude Palma - e tra le cose che non vanno c'è anche il fatto che bisognerebbe fare una vera differenziazione tra questo reato e quello di favoreggiamento invece così com'è stato scritto si rischia di fare una vera confusione". Il Pd ha difeso il provvedimento spiegando come da parte di alcuni esponenti del centrodestra ci sia solo la "volontà di rallentare i tempi" d'esame del ddl. (ANSA). 
Leggi il contenuto... (69 letture)


USTICA. GIOVANARDI: CON SEGRETO STATO IPOCRITA CERIMONIA 9 MAGGIO
(DIRE) Roma, 20 apr. - "Il Presidente del Senato Pietro Grasso disse fra l'altro, nella solenne celebrazione al Senato il 9 maggio 2015  della Giornata della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi, citando anche  Ustica e la Stazione di Bologna: 'Sappiamo molto ma non tutto: bisogna insistere ed impegnarsi maggiormente per illuminare con la verita' gli angoli ancora nascosti di queste vicende, nelle quali si sono intrecciate trame nazionali e internazionali, tradimenti e depistaggi, questo e' il compito piu' alto delle istituzioni e delle parti politiche, pretendere chiarezza ogni oltre convenienza'. Questa mattina viceversa la maggioranza in Senato ha bocciato con il voto in Aula la mia proposta che il Governo, prima del prossimo 9 maggio, riferisca al Parlamento i motivi per i quali dopo 36 anni sono ancora coperte dal Segreto di stato straordinari documenti della primavera del 1980, che come membri della Commissione Moro abbiamo potuto consultare ma con il vincolo di segretezza sui contenuti. Se quelle carte  non saranno rese pubbliche il prossimo 9 maggio, le alte cariche dello stato compreso il Presidente della Repubblica, parteciperanno in Aula a Montecitorio alla prevista solenne cerimonia, che rischia di trasformarsi in un momento di ipocrita presa in giro dell'opinione pubblica sulla volonta' di arrivare a conoscere tutta la verita'  su quelle tragiche pagine della storia di Italia". Lo dice il senatore Carlo Giovanardi. 
Leggi il contenuto... (65 letture)


«Altro che “adozioni internazionali in crescita”...»
«Altro che “adozioni internazionali in crescita”, la Russia sta per chiuderci le porte»
Da: "TEMPI.it" del 20 aprile 2016. LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (91 letture)


CASO USTICA: «Togliere il segreto al dossier del Lawrence d’Arabia italiano»
Da: "il Corriere.it" del 20 aprile 2016. LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (69 letture)


USTICA: GIOVANARDI, GOVERNO DOPO 36 ANNI TOLGA SEGRETO DI STATO

Roma, 19 apr. (AdnKronos) - "Il 9 maggio 2008 il presidente della repubblica Giorgio Napolitano nel 'Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi', riferendosi esplicitamente anche al disastro di Ustica, auspicava che 'si riesca ad accertare finalmente la verità, come chiedono le associazioni dei familiari delle vittime'". Lo dichiara il senatore di Idea, Carlo Giovanardi.

"Otto anni dopo quel discorso - aggiunge Giovanardi - , alla vigilia di una nuova giornata della memoria, la verità su Ustica è ancora nascosta nei documenti su cui non è stato tolto il segreto di Stato, che assieme ai colleghi della Commissione di inchiesta sulla morte di Aldo Moro abbiamo potuto consultare dopo ben 36 anni, rilevandone l'eccezionale importanze per una opinione pubblica depistata su ipotesi di fantasiosi missili e battaglie aeree".

"Sarebbe davvero scandaloso, come ha bene sottolineato Gaetano Quagliariello, che si arrivi all'ennesimo anniversario, con tutte le alte cariche dello Stato ipocritamente schierate per la ricerca della verità, se la Presidenza del Consiglio dovesse continuare a non voler rendere pubblici documenti fondamentali per raggiungere tale obiettivo", conclude Giovanardi.
Leggi il contenuto... (54 letture)


Adozioni: Giovanardi(Idea), a rischio rapporti con la Russia

Presentata interpellanza per conoscere posizione italiana (ANSA) - ROMA, 18 APR - L'intervento del governo italiano e della Cai (Comitato per le adozioni internazionali) per evitare il congelamento dei rapporti con la Russia sulla questione delle adozioni. Lo chiede il senatore Carlo Giovanardi (Idea) in un interpellanza presentata al Presidente del Consiglio e al Ministro degli esteri per sapere quali iniziative intendano prendere verso un Paese "dal quale proviene circa un terzo dei bambini adottati dalle famiglie italiane all'estero". "Nell'interpellanza Giovanardi ricorda che "la vice Presidente del Comitato del Consiglio della Federazione per gli Affari Costituzionali e l'Edificazione dello Stato, Elena Mizulina, in relazione alla proposta del Difensore Civico dell'Infanzia, Pavel Astakhov, di una moratoria dell'adozione dei bambini russi in Italia, ha invitato l'Italia a fornire esaurienti spiegazioni sul decesso di un bambino adottivo russo nel luglio del 2014, minacciando in caso contrario di sospendere o addirittura di vietare l'adozione di bambini russi da parte dell'Italia". Spiegazioni sono state chieste, informa il parlamentare, anche in relazione "al caso di un cittadino italiano di 52 anni che a Volgograd sarebbe stato accusato di presunte percosse al loro bambino adottato di otto anni, un orfano dell'Orfanatrofio di Kamyshin". Secondo la Mizulina, spiega Giovanardi, "è trascorso già più di un anno senza che da parte italiana sia stato dato alcun chiarimento e quindi esiste la "possibilità di porre la questione della denuncia dell'accordo bilaterale sulle adozioni in forza fra i nostri Paesi". "L'Ombudsman del Presidente della Federazione russa per i diritti dell'Infanzia Pavel Astakhov - conclude Giovanardi - in diretta al canale Russkoy sluzhby novostey ha suggerito un temporaneo congelamento delle adozioni dei bambini russi da parte di italiani, se l'Italia non farà avere la documentazione su questi due casi, fissando il termine del 16 giugno entro il quale l'Italia dovrebbe dare spiegazioni". (ANSA).

Leggi il contenuto... (98 letture)


TRIVELLE. GIOVANARDI: RIDIMENSIONATO AMBIENTALISMO UTOPICO
(DIRE) Roma, 18 apr. - "La nostra indicazione di non partecipare al voto si conferma essere la piu' lungimirante rispetto alle incomprensibili posizioni di alcuni partiti del centrodestra, che hanno guardato piu' a logiche di schieramento che al merito del referendum. Il voto modenese ridimensiona infatti drasticamente le posizioni piu' oltranziste di un ambientalismo utopico che non si fa carico di promuovere lo sviluppo economico da cui discende la possibilita' di garantire occupazione, elevato livello di qualita' della vita e mantenimento del welfare. Ben il 70% dei modenesi infatti o non e' andato a votare o ha votato no per un quesito demagogico e inutile, che avrebbe portato soltanto disoccupazione ed ulteriore dipendenza dall'estero per l'approvvigionamento del gas. Persino nella Bassa modenese, dove i vari comitati 'no triv' sembravano godere del favore totalitario della popolazione si e' arrivati appena a superare di poco il 40%, mentre a Mirandola la partecipazione si e' fermata al 38% con un 17% di no fra i votanti". Lo dice il senatore Carlo Giovanardi (Idea). (Vid/ Dire) 12:42 18-04-16
Leggi il contenuto... (91 letture)


Caso Uva: Giovanardi, forze ordine vittime solito linciaggio

(ANSA) - ROMA, 16 APR - Nel silenzio delle istituzioni, che non si sono rallegrate della fine del loro calvario, poliziotti e carabinieri del caso Uva continuano ad essere vittime del solito linciaggio di chi già li aveva esposti al pubblico ludibrio e a minacce di morte, postando su Facebook le loro foto e i loro nomi. Dopo la sortita di Manconi oggi interviene Ilaria Cucchi autocandidatasi a sindaco di Roma, costituitasi parte civile sino all'ultimo contro i tre agenti di polizia penitenziaria, poi assolti in tre gradi di giudizio per la morte del fratello, definendo "terribile" la sentenza di Varese che non corrisponde ai suoi desiderata. Finalmente l'opinione pubblica comincia a capire quale distorta domanda di giustizia guida le azioni di certi personaggi. Lo afferma il senatore Carlo Giovanardi.(ANSA).

Leggi il contenuto... (67 letture)


OMOFOBIA. GIOVANARDI: SCALFAROTTO APPLAUDE CHI IMPICCA GLI OMOSESSUALI

(DIRE) Roma, 15 apr. - "In Iran l'omosessualita' e' punita con pene che arrivano all'ergastolo e alla pena di morte, purtroppo frequentemente applicata per impiccagione anche a ragazzi quattordicenni. Prego pertanto il Sottosegretario Ivan Scalfarono, che ha rilasciato dichiarazioni entusiastiche di ritorno da quel paese dove ha fatto parte della delegazione del Governo italiano che ha incontrato quello iraniano, di piantarla di lanciare continuamente accuse di omofobia in Italia a chi non la pensa come lui, magari perche' e' contrario ai matrimoni gay e all'utero in affitto, mentre nel contempo applaude a chi gli omosessuali li perseguita e li condanna a morte". Lo dice il senatore di Idea Carlo Giovanardi.

Leggi il contenuto... (109 letture)


ADOZIONI. GIOVANARDI: INCONTRO GIOIOSO O SEGRETA OPERAZIONE DI POLIZIA?
(DIRE) Roma, 14 apr. - In una interpellanza presentata al Presidente del Consiglio e al Ministro degli Interni il sen. Carlo Giovanardi ha ricordato che per legge la Commissione Adozioni internazionali deve essere presieduta dal Presidente del Consiglio o dal Ministro della Famiglia tanto e' vero che tale incarico e' stato sempre ricoperto da membri del Governo (Bindi, Prestigiacomo, Giovanardi, Riccardi e Kyenge) mentre l'attuale presidente Silvia della Monica non solo non fa parte del Governo ma non ha mai sottoposto alla Commissione le sue decisioni ne per deliberare ne per ratificarle. Giovanardi ricorda che in veste di presidente la dottoressa della Monica ha stipulato un accordo con la Polizia di Stato e che presumibilmente in base a tale accordo 51 bambini giunti a Fiumicino dal Congo lunedi' 11 aprile scorso alle ore. 5.30 sono stati trasferiti alla Scuola di polizia di Spinaceto. I genitori di tali bambini sono stati convocati a Roma nel corso della stessa giornata in gran segreto per firmare atti urgenti, con appuntamenti in varie parti della citta' dove trovavano mezzi che li accompagnavano a Spinaceto, mentre le altre famiglie di adottati ancora fermi in Congo non riuscivano ad avere informazioni sulla situazione dei loro bambini e che a tarda sera alcuni bambini erano ancora presso la caserma, come testimoniato dal fatto che uno dei bambini e' stato ricoverato alle 23.30 all'Ospedale Bambin Gesu' da cui e' stato dimesso il giorno successivo. Giovanardi infine chiede al Governo cosa intenda fare per porre fine a questo stato di illegalita' che ha provocato in questi due anni di gestione della dottoressa Silvia della Monica il crollo delle adozioni internazionali, in un clima di sfiducia e sospetto verso gli Enti e le famiglie adottanti, sino a trasformare un momento gioioso di incontro fra i bambini adottati e i loro genitori in una sorta di segretissima operazione di polizia. (Com/Rai/ Dire) 14:06 14-04-16
Leggi il contenuto... (98 letture)


VIDEO DELL'INTERVENTO DEL SEN. GIOVANARDI IN DIREZIONE NAZIONALE DEL PDL




 
Leggi il contenuto... (1962 letture)


GIOVANARDI A TUSCANIA PER LANCIARE LIBERATI

Leggi tutto L'articolo, da "Nuovo Viterbo Oggi" del 27 maggio 2009
Leggi il contenuto... (2254 letture)


''QUOZIENTE FAMILIARE ENTRO LA LEGISLATURA''
FAMIGLIA CRISTIANA-
INTERVISTA CON IL SOTTOSEGRETARIO CARLO GIOVANARDI
Leggi il contenuto... (2832 letture)



   Sede di ROMA
 
Clicca qui per leggere i recapiti della nuova sede dei Popolari Liberali
 
 

   Adesione
   
 

   Referenti
 

 
 

   Bacheca
 
DE MATTEIS COSIMO : Caro Senatore, da anni la stimo sia come politi...
cosimo de matteis, brindisi : L’uscita di Giovanardi da NCD –non una scelta capo...
cosimo de matteis: Con vivo piacere costatiamo il rinnovato interesse...

Scrivi/leggi i messaggi sulla nostra bacheca
(2589 messaggi presenti)
 
 

   Old Articles
 
Wednesday, 13 April
· ADOZIONI: GIOVANARDI (IDEA), RETTIFICA COMPENSO PRESIDENTE CAI
· Adozioni: Giovanardi, come sono arrivati 51 bimbi da Congo?
· DROGA: GASPARRI-GIOVANARDI, CHI ANDRA' ALL'ONU PER CONTO GOVERNO?
· IL GOVERNO MANDA ALL'ONU CHI VUOLE LEGALIZZARE LA DROGA
Tuesday, 12 April
· Droga:Gasparri-Giovanardi,governo chiarisca qual è sua linea
· USTICA E BOLOGNA, STRAGI GEMELLE? VIA IL SEGRETO DI STATO
· Trivelle: Giovanardi (Idea),non andare a votare è un diritto
Monday, 11 April
· ADOZIONI: GIOVANARDI, ECCO RISPOSTA PG CASSAZIONE
Sunday, 10 April
· SEGRETO STATO. GIOVANARDI: DAVIGO E RENZI DIMENTICANO USTICA E BOLOGNA
Saturday, 09 April
· REGENI. GIOVANARDI: VIA I SEGRETI DI STATO IN EGITTO E IN ITALIA

Articoli Vecchi
 
 

   Link consigliati
 
 
 

 

Copyright © 2006 Carlo Giovanardi - Contattaci - Amministrazione

Powered by dicecca.net - Web Site