News ed Eventi
 
Unioni civili: Giovanardi,emendare ddl su adozione partner

Unioni Civili, Giovanardi ad Affaritaliani: “Scalfarotto si dimetta”

Unioni civili:Giovanardi, sciopero Scalfarotto supera limite

La verità ti fa male lo so...

Unioni civili:in commissione è stallo,Ncd punta piedi Lumia(Pd), sbagliato l'ann

Unioni civili: Giovanardi, relatrice provoca ostruzionismo



Prescrizione: riunione maggioranza, non c'è ancora accordo

Ustica: Giovanardi e Manca, condividiamo Mattarella e Grasso

GAY. GIOVANARDI: PER FORTUNA IN ITALIA C'E' LA COSTITUZIONE

USTICA: GIOVANARDI E MANCA, BASTA CON BUFALA DEL MISSILE

Giovanardi (Ncd): no a Unioni civili, ora decreto su gender

USTICA: NCD-AP, GOVERNO COME IMPEDIRA' ESBORSO MLN EURO PER CAOS GIUDIZIARIO

Giovanardi (Ncd - Ap): perchè non ho votato fiducia a ddl scuola

ECCO IL MANIFESTO AFFISSO A MODENA, E LA REAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI LGBT

SCUOLA. AP: GIANNINI ASSICURA NESSUN RIFERIMENTO A TEORIA GENDER

Scuola: Ap, Giannini dice no a teorie gender in classe

Scuola: senatori Ap, incontro urgente con governo su gender

Giovanardi (Ap): riformulazione unioni civili è presa in giro?

Unioni civili: Giovanardi, in 5 secondi da modifica al nulla

CENTRODESTRA. FAMIGLIA, GIOVANARDI A BERLUSCONI: BISOGNA CHIARIRE

LETTERA AL PRESIDENTE BERLUSCONI

Unioni civili: Giovanardi, farò battaglia contro matrimoni gay

ROMA PIAZZA SAN GIOVANNI 20 GIUGNO 2015 FAMILY DAY

Family Day: Giovanardi, 70% italiani contrari a Ddl Cirinnà

Cannabis: Gasparri-Giovanardi, Governo vuole liberalizzazione?

Ustica, sentenze schizofreniche e risarcimenti

Cannabis: Giovanardi, no liberalizzazione da governo con Ncd

Azzollini: Giovanardi, fumus persecutionis? Siamo all'arrosto

Azzollini: Giovanardi, vittima di una frase inventata


Archivio news
 
 


Unioni civili: Giovanardi,emendare ddl su adozione partner
(ANSA) - ROMA, 3 LUG - "Il Disegno di Legge Cirinnà va assolutamente emendato laddove prevedendo la possibilità per il partner di adottare il figlio del convivente, apre di fatto la porta a quell'ipotesi che la cassazione francese con la sua decisione ha saggiamente chiuso". Lo dichiara il sen.Carlo Giovanardi(Ncd-Ap). "La Corte di Cassazione Francese - spiega il parlamentare - non soltanto ha chiarito che la pratica del cosiddetto 'utero in affitto', proibita in Francia, non può essere aggirata facendovi ricorso all'estero, ma ha confermato il principio che il bambino deve essere iscritto nei registri dello stato civile indicando come 'padre' colui che ha effettuato il riconoscimento di paternità e come 'madre' la donna che lo ha partorito". "E' una sentenza rispettosa della legge e del superiore interesse del bambino ad avere un padre e una madre - conclude - e non genitori uno e due dello stesso sesso". (ANSA).
Leggi il contenuto... (54 letture)


Unioni Civili, Giovanardi ad Affaritaliani: “Scalfarotto si dimetta”
Da "Affari Italiani" del 03.07.2015 - LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (30 letture)


Unioni civili:Giovanardi, sciopero Scalfarotto supera limite

(ANSA) - ROMA, 2 LUG - "Pensavamo di averle viste tutte, ma un sottosegretario alla presidenza del Consiglio, autorevole membro del Governo Renzi, che fa lo sciopero della fame contro il Parlamento, attaccando singoli parlamentari e la manifestazione di piazza San Giovanni, da lui già precedentemente definita inaccettabile, supera davvero ogni limite". Lo afferma in una nota il senatore Carlo Amedeo Giovanardi (Ncd-Ap). "Suggerisco all'onorevole Scalfarotto - aggiunge - o di interrompere lo sciopero della fame ricordando di aver giurato di "osservare lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le sue funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione", o di dimettersi dal Governo, dove ministri e sottosegretari non possono essere debilitati da sciopero della fame, per essere libero in Parlamento come deputato di combattere le sue battaglie per modificare la Costituzione e le leggi attualmente in vigore, che nel frattempo però come sottosegretario è vincolato dal giuramento a rispettare". (ANSA). 

Leggi il contenuto... (75 letture)


La verità ti fa male lo so...

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Ivan Scalfarotto, in una intervista a Repubblica annuncia lo sciopero della fame, prendendosela con  " Giovanardi che mena colpi tutti i giorni con la scimitarra" e " con la piazza di San Giovanni che strilla e si mobilita".

Il problema di Scalfarotto è che man mano gli italiani  si accorgono delle vere finalità del disegno di legge Cirinnà sulle Unioni civili,  i dissensi nei sondaggi  lievitano a percentuali quasi totalitarie. Ecco infatti a quali inquietanti  (e barbari) scenari  si aprirebbero con la cosiddetta stepchild adoption, contenuta nella proposta Cirinnà che nulla hanno a che fare con la lotta alle discriminazioni  verso le coppie omosessuali


BRUXELLES: FIERA DELL'EUGENETICA

Leggi il contenuto... (66 letture)


Unioni civili:in commissione è stallo,Ncd punta piedi Lumia(Pd), sbagliato l'ann

Unioni civili:in commissione è stallo,Ncd punta piedi Lumia(Pd), sbagliato l'annunciato ostruzionismo, si va avanti 

(di Simonetta Dezi) (ANSA) - ROMA, 1 LUG - Procedono a rilento i lavori per il ddl sulle Unioni Civili approdato in commissione Giustizia due anni fa. Ancora aperta la discussione sui subemendamenti anche se la relatrice Monica Cirinnà ha già dato parere negativo su quasi tutte le modifiche presentate. Fanno eccezione tre o quattro emendamenti di carattere perlopiù tecnico sui quali la relatrice si è detta d'accordo.   Lo stallo è di carattere tutto politico e se non si troverà un accordo tra Pd e Ncd rischia di saltare la data per l'approdo in Aula che la stessa Cirinnà aveva individuato per la fine di luglio. Il senatore di Area popolare Carlo Giovanardi punta l'indice sulla relatrice che ha dato parere contrario a tutti gli emendamenti. "Doverosamente - ha detto Giovanardi - il gruppo NCD- AP contrasterà con tutti gli strumenti che il regolamento del Senato mette a sua disposizione".  Sdrammatizza il senatore Giuseppe Lumia "Finora siamo andati avanti, ma bisogna accelerare. L'annunciato ostruzionismo sarebbe sbagliatissimo, siamo aperti ad un confronto sul merito". Secondo Lumia questo ddl mette a servizio del Parlamento una soluzione forte che porterà l'Italia ad avere una legislazione moderna non contro la famiglia ma al contrario per allargarne la portata". Fonti parlamentari assicurano che intanto si sta lavorando con impegno per raggiungere un'intesa. Il Pd ha già accettato di distinguere nettamente il matrimonio dalle Unioni civili in modo da creare due istituti completamente diversi. Ma evidentemente non basta perché comunque il dissenso manifestato da Ncd impedisce di fatto di proseguire i lavori. Sono 1.800 gli emendamenti da votare, ai quali si aggiungono gli oltre 200 subemendamenti. (ANSA).

Leggi il contenuto... (62 letture)


Unioni civili: Giovanardi, relatrice provoca ostruzionismo
(ANSA) - ROMA, 1 LUG - "Con  atteggiamento ostruzionistico la relatrice Cirinnà ha dato parere contrario oggi a tutti i nostri subemendamenti alle sue nuove proposte sul disegno di legge Unioni Civili". Lo afferma il senatore Carlo Giovanardi (Ncd-Ap) che spiega che tra le bocciature della relatrice sono "compresi quelli che chiarivano come le unioni civili debbano essere inquadrate nel concetto di  formazioni sociali e non in quello di matrimonio, e che le adozioni siano riservate esclusivamente a coppie di uomini e donne unite in matrimonio".  "E' di tutta evidenza - prosegue - che l'obiettivo della relatrice è quello di aprire la porta in Italia a reversibilità, adozioni e alla cosiddetta pratica dell'utero in affitto per le coppie omosessuali, ipotesi che doverosamente il gruppo Ncd- Ap contrasterà con tutti gli strumenti che il regolamento del Senato mette a sua disposizione".(ANSA). 
Leggi il contenuto... (145 letture)


Potete ingannare tutti per qualche tempo ed alcuni per tutto il tempo ma non potete ingannare tutti per tutto il tempo. (Abramo Lincoln)

DEDICATO A QUELLI CHE NEGANO SIA IN CORSO UNA STRATEGIA PER IMPORRE NELLE SCUOLE LA TEORIA DI GENERE PILOTATA DALLE ORGANIZZAZIONI LGBT



Con un vero e proprio colpo di mano il Ministro del Lavoro del Governo Monti, Elsa Fornero, assegnava all'UNAR con un semplice atto amministrativo, scavalcando la legge in vigore, l'attuazione di obiettivi operativi rilevanti in materia di prevenzione e contrasto delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere, e, in particolare, la definizione di una Strategia nazionale in collaborazione con il Consiglio d'Europa: (Doc. non recuperabile) 


Marco De Giorgi è stato confermato alla guida dell'UNAR dal Governo Renzi malgrado l'incredibile tentativo, al tempo del Governo Letta, di distribuire nelle scuole i famigerati libretti in cui si sosteneva che a far nascere l'omofobia sono lo Stato, la famiglia e la religione. Anzi, più una persona è religiosa, più è omofoba. La dottoressa Maria Cecilia Guerra, che all'epoca era Vice Ministro del Lavoro e delle politiche Sociali con delega alle pari opportunità ha dichiarato il 16 febbraio 2014 che: "quel materiale didattico è stato realizzato senza che io ne fossi informata e senza nessun accordo con il MIUR ed ha aggiunto che è stato l'UNAR ad autorizzare la diffusione dello stesso materiale (con il logo del Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri)" senza che il direttore De Giorgi me ne desse alcuna informazione, ne che io fossi a conoscenza degli esiti della ricerca, di cui del resto ignoravo addirittura l'esistenza." Per questo atteggiamento il Vice ministro Guerra aveva inviato una formale nota di demerito a De Giorgi affermando che "una materia sensibile come quella dell'educazione alla diversità richiede particolare attenzione ai contenuti e al linguaggio" e che "non è inoltre accettabile che materiale didattico su questi argomenti sia diffuso fra gli insegnanti da un Ufficio delle Pari Opportunità senza alcun accordo con il MIUR" (doc. 5) LEGGI IL DOCUMENTO ORIGINALE. CLICCA QUI!!!

A tutto questo si aggiunge il disegno di legge Fedeli (PD) firmato da 40 senatori intitolato "Introduzione dell'educazione di genere e della prospettiva di genere nelle attività e nei materiali didattici delle scuole del sistema nazionale di istruzione e nelle università" con il quale si intende stanziare 200 milioni di euro per portare avanti le finalità della legge il cui art. 1 recita testualmente: "."art. 1) Nelle scuole di ogni ordine e grado si adottino misure educative volte alla promozione di cambiamento nei modelli comportamentali al fine di eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socio-culturali fondate sulla differenziazione delle persone in base al sesso di appartenenza e sopprimere gli ostacoli che limitano di fatto la complementarità fra i sessi nella società"." (doc.6) LEGGI IL DOCUMENTO ORIGINALE. CLICCA QUI!!!

QUESTO MATERIALE È LIBERAMENTE RIPRODUCIBILE ED UTILIZZABILE PER CONTROBATTERE LA DISINFORMAZIONE ARTATAMENTE DIFFUSA SU QUESTA MATERIA

Leggi il contenuto... (372 letture)


Prescrizione: riunione maggioranza, non c'è ancora accordo

Incontro a ministero,costituito gruppo a 3 in vista nuovo tavolo 

(ANSA) - ROMA, 30 GIU - Ancora distanti, dopo una riunione stamani al ministero, le posizione nella maggioranza sulla prescrizione e l'allungamento dei termini. "L'accordo ancora non c'è", ha sintetizzato Carlo Giovanardi di Area popolare (Ap). Walter Verini (Pd) e Nico D'Ascola (Ap) hanno annunciato che è stato costituto un gruppo ristretto per approfondire il tema in vista di una prossima riunione formato dallo stesso D'Ascola, dal responsabile giustizia del Pd David Ermini e dalla senatrice Pd Rosaria Capacchione, relatrice del ddl prescrizione. Alla riunione oltre al ministro della Giustizia, Andrea Orlando (Pd), erano presenti per il Pd la presidente della commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti, il capogruppo in commissione Walter Verini, il responsabile Giustizia del partito David Ermini; per Ap, il vice ministro della Giustizia Enrico Costa, il responsabile giustizia del partito Nico D'Ascola e il senatore Carlo Giovanardi. Sul tavolo il tema della riforma della prescrizione con un allungamento dei termini, compreso per i reati di corruzione. "L'incontro è stato un passo avanti", ha detto Verini, spiegando che si è dato mandato ad effettuare un approfondimento a un gruppo ristretto formato dai relatori dei provvedimenti, Stefano Dambruoso di Scelta civica alla Camera e Rosaria Capacchione al Senato, e dai responsabili giustizia di Pd e Ap. "Si può lavorare per arrivare a un raddoppio dei termini attuali di prescrizione per la corruzione - ha aggiunto Verini - C'è una volontà comune di mettere la lotta alla corruzione al primo posto: su questo il Pd ha insistito, spero si allarghi il consenso". E interpellato proprio su questo punto dai cronisti, D'Ascola ha risposto: "Del raddoppio dobbiamo discutere". Più in generale, Area popolare teme che interventi sulla prescrizione che vadano ad allungare eccessivamente i termini, si riflettano sulla lunghezza dei processi. "I dati statistici del ministero ci dicono che non c'è un'emergenza prescrizione e l'incidenza è bassa - ha detto D'Ascola - ma siamo favorevoli a scongiurare anche questo minimo rischio. Dobbiamo però evitare tempi troppo lunghi dei processi: siamo per una posizione moderata. Abbiamo fatto anche una proposta provocatoria: eliminiamo la prescrizione, ma allora fissiamo tempi predeterminati tra una fase e l'altra del processo". (ANSA).

Leggi il contenuto... (33 letture)


Ustica: Giovanardi e Manca, condividiamo Mattarella e Grasso
(AGI) - Roma, 27 giu. - "Condividiamo totalmente le parole del Capo dello Stato e del Presidente del Senato sulla necessita' che sul disastro di Ustica emerga una verita' giudiziaria univoca, rispetto alle attuali discordanti sentenze della Cassazione Penale e Civile. Ricordiamo pero' per l'ennesima volta che le Commissioni tecniche hanno individuato con certezza che l'esplosione di una bomba nella toilette di bordo abbia abbattuto il DC9 Itavia: a noi interessa la verita' e la punizione dei colpevoli. Appoggiamo pertanto le doverose iniziative del Governo e dell' Avvocatura di Stato che si e' costituita nei processi civili a tutela dell'interesse pubblico, proprio quei processi che la senatrice Bonfietti chiede sconsideratamente allo Stato di abbandonare". Lo affermano i senatori Carlo Giovanardi e Ruggero Manca.(AGI) 
Leggi il contenuto... (38 letture)


GAY. GIOVANARDI: PER FORTUNA IN ITALIA C'E' LA COSTITUZIONE
(DIRE) Roma, 27 giu. - "Il governatore del Texas Greg Abbott ha contestato la decisione a maggioranza 5 contro 4 sui matrimoni gay, lamentando come "la Corte Suprema sia diventata un parlamento di 9 membri non eletti". Lo speaker della Camera John Boehner ha rincarato la dose:"la Corte Suprema ha ignorato la volonta' democraticamente adottata da milioni di americani, costringendo gli stati a definire l'istituzione del matrimonio". Condivido pienamente la delusione e la protesta di una deriva giurisdizionale, negli Stati Uniti come in Italia, che si arroga la pretesa di scavalcare le decisioni dei parlamenti e la volonta' popolare". Cosi' in una nota il senatore di Ncd Carlo Giovanardi. "Non e' possibile infatti- aggiunge Giovanardi- che quando vince il si', come in Irlanda, si parli di una grande vittoria democratica mentre, i referendum dei numerosissimi stati americani dove ha prevalso il no, siano state piegate da pressioni del presidente Obama e di lobbies organizzate, per fortuna in Italia il dettato costituzionale sul matrimonio e' chiarissimo mettendo al riparo da sentenze come quella della Suprema Corte degli Stati Uniti che 4 giudici della stessa su 9 hanno bollato come 'infondata ed incoerente'". (Rai/ Dire) 14:13 27-06-15

Leggi il contenuto... (103 letture)


USTICA: GIOVANARDI E MANCA, BASTA CON BUFALA DEL MISSILE
Roma, 27 giu. (AdnKronos) - "Sul disastro aereo di Ustica ci sono tre certezze: l'unica causa accertata tecnicamente è l'esplosione di una bomba nella toilette di bordo, i generali dell'Aeronautica sono stati assolti con formula piena dalla accusa di depistaggio, i famigliari delle vittime sono stati già indennizzati dallo Stato con 62 milioni di euro". Lo dichiarano il senatore di Ap Carlo Giovanardi e l'ex vice presidente della commissione Stragi Vincenzo Ruggero Manca.
"Il vero scandalo di Ustica - scrivono Giovanardi e Manca - sono sentenze civili di condanna dei ministeri Difesa e Infrastrutture che costeranno ai cittadini italiani circa altri 400 milioni di euro, sulla base di una fantasiosa sentenza scritta da un certo avvocato Francesco Batticani di Bronte, giudice onorario, che senza nessun riscontro ha indicato come causa del disastro il lancio di un missile, definito nel processo penale come ipotesi da fantascienza. L'ex presidente Giorgio Napolitano ci ha recentemente confortato condividendo la nostra convinzione che si debba assolutamente fare chiarezza su questa doppia verità giudiziaria".  "È ora di farla finita con la campagna di calunnie contro le Forze Armate e l'Aeronautica militare in particolare, bisogna mettere a riparo il nostro Paese dal ridicolo di cui si copre in tutto il mondo con la bufala del missile ed infine non utilizzare le vittime come strumento per prelevare dalle tasche dei cittadini centinaia di milioni di euro, buona parte dei quali rischiano di finire nelle tasche di liquidatori Itavia e avvocati", concludono Giovanardi e Manca.

Leggi il contenuto... (60 letture)


Giovanardi (Ncd): no a Unioni civili, ora decreto su gender
Roma, 26 giu. (askanews) - "Non mi bastano le promesse della Giannini, serve subito un decreto governativo che introduce il consenso informato". LO ha affermato il senatore Carlo Giovanardi, unico di Area Popolare a non aver votato la fiducia alla riforma della scuola, sottolineando che "martedì in commissione vedremo di nuovo che tipo di sviluppo sta avendo il ddl Cirinnà e in base a questo l'Ncd deve decidere se essere contrario o fare finta di niente. Ma se il testo resta quello che abbiamo ora, il quadro politico attuale potrebbe avere grosse ripercussioni".

"Sabato scorso - sottolinea Giovanardi a Intelligo news- è sceso in piazza un milione di persone per combattere il gender nelle scuole. Su questo punto ci sarà la massima attenzione perché sono un po' stanco di essere preso in giro dal Pd. Io sono l'unico senatore del mio gruppo che non ha partecipato al voto, perché una fiducia su un testo del genere non la voterò mai. Insomma non esiste: quello che è stato fatto è scorretto".

"La mattina prima del voto - ha ricordato sul ddl scuola- i senatori di Area Popolare hanno incontrato il ministro Giannini, la quale si era presa precisi impegni per evitare che la riforma introducesse la teoria del gender e poi invece il testo passa così come era stato formulato senza alcuna dichiarazione ufficiale del governo che si impegna a cambiarlo alla Camera. Ora abbiamo condizionato il nostro voto favorevole alla Camera a un impegno del ministro ad assicurare la libertà di scelte educative da parte dei genitori. Ma questo deve essere fatto subito, prima che il testo arrivi a Montecitorio. Con le dichiarazioni di intenti non me ne faccio nulla. L'esecutivo deve prendere un provvedimento formale, facendo anche un decreto legge se necessario".

Leggi il contenuto... (79 letture)


USTICA: NCD-AP, GOVERNO COME IMPEDIRA' ESBORSO MLN EURO PER CAOS GIUDIZIARIO
Interrogazione dei senatori Giovanardi e Compagna alla vigilia del 35 anniversario strage

Roma, 26 giu. (AdnKronos) - "Quali iniziative" intende "intraprendere lo Stato, avendo già indennizzato con 62 milioni di euro i familiari delle vittime di Ustica, per impedire l'esborso di altre centinaia di milioni di euro, sulla base della fantasiosa ipotesi del missile". E' inoltre "a conoscenza di chi sarebbero, dopo 35 anni dal disastro aereo, i beneficiari delle somme liquidate a favore dell'Itavia?". E' quanto chiedono i senatori Carlo Giovanardi (Ncd) e Luigi Compagna (Ap), in un'interpellanza rivolta al presidente del Consiglio, al ministro della Difesa e al ministro delle Infrastrutture, alla vigilia del 35° anniversario dell'esplosione in volo del Dc9 Itavia nel cielo di Ustica.

I senatori chiedono inoltre "quale somma il Governo (cioè la collettività) sia stato sino ad oggi condannato a pagare sulla base della tesi accolta nella sentenza Batticani, se abbia tale disponibilità di cassa per far fronte alle condanne e se corrisponda al vero che, come ha scritto Marco Lillo, il vicesegretario generale del Ministero della difesa, Pierluigi de Palma, aveva proposto un'addizionale sull'alcol o sui tabacchi o sulla benzina per la copertura finanziaria necessaria per pagare i risarcimenti".
Nell'interpellanza si ricorda che "nel gennaio 2007, alla fine di un processo penale articolato in 277 udienze, con circa 4.000 testimoni e 1.750.000 pagine di istruttoria, basato su perizie e controperizie affidate a 11 tecnici tra i più qualificati a livello internazionale, i quali concludevano all'unanimità a favore dell'ipotesi dell'esplosione di una bomba nella toilette di bordo del DC9 Italia ed escludevano perentoriamente che la causa fosse da ricondurre ad un missile, la Cassazione penale ha assolto definitivamente i generali dell'aeronautica (che avevano rinunciato alla prescrizione) dall'accusa di depistaggio".  E ancora: "nel luglio 2003 a Bronte, in sede civile, un giudice onorario aggregato, l'avvocato Francesco Batticani, ha stabilito a tavolino, senza nessun riscontro, che l'abbattimento del DC9 è stato causato da un missile. I familiari delle vittime sono già stati da tempo indennizzati dallo Stato: ad ogni famiglia delle 81 vittime sono stati assegnati 200.000 euro (per un totale 15,8 milioni) e i 141 familiari superstiti nel 2004 hanno ottenuto un vitalizio di 1.864 euro netti mensili rivalutabili, per un totale di altri 31 milioni di euro al 31 dicembre 2014; quest'anno la spesa prevista è di 3,3 milioni di euro, mentre si calcola che il risarcimento finale sarà di circa 62 milioni di euro".

"A tali indennizzi - scrivono ancora i senatori - si sommano risarcimenti civili, a seguito della sentenza Batticani, in processi intentati allo Stato dall'Itavia, dagli eredi Davanziali, dai famigliari delle vittime, alcuni dei quali già confermati dalla Cassazione civile, con liquidazioni che ammontano a circa 400 milioni di euro, tenuto conto delle sentenze già passate in giudicato e delle numerose altre in itinere; un articolo di Marco Lillo comparso su "il Fatto Quotidiano" del 14 giugno 2014 riferisce di intercettazioni ambientali a carico dei 3 commissari dell'Itavia effettuate mentre gli stessi avrebbero incontrato i funzionari dei Ministeri della difesa e dello sviluppo economico per concordare una bozza di transazione con i Ministeri condannati, con un aumento di 6 milioni di euro di compenso per i 3 commissari, più 4 milioni di euro per i 3 avvocati che avevano curato la causa dell'Itavia contro il Governo".
"A quanto risulta agli interpellanti l'avvocato distrettuale dello Stato, Maurilio Mango, avrebbe scritto recentemente al Ministero della difesa, al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, all'Avvocatura generale dello Stato e al Presidente del Consiglio dei ministri una lettera, ancora senza risposta, in cui lamenterebbe di aver ricevuto buste contenenti materiale non 'propriamente nobile', in un clima di minacce e di intimidazioni, per il semplice fatto che difenderebbe gli interessi della collettività nei confronti di un esborso di centinaia di milioni di euro giustificato da un'ipotesi tecnicamente insostenibile come quella del missile".



Leggi il contenuto... (51 letture)


Giovanardi (Ncd - Ap): perchè non ho votato fiducia a ddl scuola

Governo dia seguito ad assicurazioni verbali su questione genere 

 

Roma, 25 giu. (askanews) - "Aspettavo la dichiarazione del Governo che confermasse le intese di questa mattina con NCD, ma ho letto soltanto quelle del senatore Sergio Lo Giudice (PD), già presidente dell'ARCIGAY, che commenta positivamente il testo sul quale il Governo ha posto la fiducia sulla parte che riguarda la questione del 'genere'. Voterò di nuovo la fiducia quando il Governo darà seguito alle assicurazioni verbali, non ancora rese pubbliche, dei ministri Stefania Giannini e Maria Elena Boschi".
E' quanto afferma in una nota il senatore Carlo Giovanardi.

 

Leggi il contenuto... (316 letture)


ECCO IL MANIFESTO AFFISSO A MODENA, E LA REAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI LGBT



Leggi il contenuto... (452 letture)


SCUOLA. AP: GIANNINI ASSICURA NESSUN RIFERIMENTO A TEORIA GENDER
MAXIEMENDAMENTO NON MODIFICABILE, DA MINISTRO IMPEGNO POLITICO 
(DIRE) Roma, 25 giu. - Un "impegno politico" preso dal ministro all'Istruzione che assicuri che la riforma della scuola evitera' qualsiasi riferimento alla teoria gender nei piano educativi scolastici. E' quanto e' emerso al termine dell'incontro chiarificatore che si e' tenuto a Palazzo Madama tra il titolare dell'Istruzione, Stefania Giannini, e una delegazione del gruppo di Area popolare (Ncd-Udc)) capitanata da Gaetano Quagliariello e Renato Schifani accompagnati dai colleghi Maurizio Sacconi, Nico D'Ascola, Aldo Di Biagio, Roberto Formigoni, Carlo Giovanardi, Giuseppe Marinello. A quanto apprende l'agenzia 'Dire', e' in corso la preparazione, da parte del ministero di Viale Trastevere, di una nota che esplicitera' quanto detto da Giannini ai senatori di Ap. Dovrebbero essere affermate due cose, spiegano fonti del partito di Angelino Alfano: la esplicita affermazione del ministro che la norma del maxiemendamento incriminata, che parla di 'educazione alla parita' tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni', non fa riferimento, nemmeno indirettamente, alla teoria gender e che quindi il testo fa riferimento semplicemente a una attivita' contro la violenza; la seconda cosa, che per Ap sara' decisiva per il si' alla fiducia, e' "l'assicurazione esplicita che qualsiasi attivita' extra-curriculare verra' sottoposta al consenso informato delle famiglia". La decisione di trovare un accordo politico con una nota ufficiale del ministero deriva dal fatto che il maxiemendamento, spiegano da Area Popolare, "non puo' essere modificato per la irricevibilita' di tutti i subememndamenti come da interpretazione della presidenza del Senato". La riunione di stamane, avvenuta prima che alle 9.30 in aula il ministro Maria Elena Boschi annunciasse la fiducia, e' iniziata alle 8.30 ed e' durata circa un'ora. Prima di tirare un definitivo sospiro di sollievo, Ap in ogni caso attende il comunicato. (Mar/ Dire)
Leggi il contenuto... (239 letture)


Scuola: Ap, Giannini dice no a teorie gender in classe

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Il ministro dell'Istruzione Giannini "ha ribadito che le attività formative" previste dalla norma del ddl scuola sulle attività formative contro le violenze di genere e le discriminazioni "sono riferibili all'educazione contro ogni forma di violenza fisica o psichica" e che di queste, comunque, i genitori dovranno sempre essere informati. Lo dichiara in una nota il gruppo di Area Popolare Ncd - Udc al Senato. "La ministra dell'Istruzione Stefania Giannini e la ministra dei Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi hanno incontrato il presidente del gruppo di Area Popolare Ncd-Udc al Senato, Renato Schifani, e una delegazione di parlamentari che hanno partecipato al Family Day di sabato scorso, guidata dal coordinatore di Ncd Gaetano Quagliariello, in relazione alla norma contenuta nella riforma della scuola ove si comprendono attività formative contro la violenza di genere e le discriminazioni", aggiunge. "Di fronte alle preoccupazioni espresse dai parlamentari di Area Popolare sul possibile utilizzo improprio di una terminologia ambigua, la ministra, anche in relazione all'ordine del giorno Roccella accolto dal governo alla Camera, ha ribadito che le attività formative in questione sono riferibili all'educazione contro ogni forma di violenza fisica o psichica", aggiunge. "In ogni modo la ministra ha confermato quale principio fondamentale vigente dell'ordinamento scolastico, quello del consenso informato delle famiglie rispetto a tutte le attività extracurriculari. La Giannini ha assunto l'impegno di promuoverne la più ampia e diffusa applicazione affinché le famiglie conoscano il loro diritto di autorizzare o meno la partecipazione del figlio alle attività che esulano dai percorsi educativi ordinari", conclude.(ANSA).

Leggi il contenuto... (114 letture)


Scuola: senatori Ap, incontro urgente con governo su gender

(AGI) - Roma, 24 giu. - "Il testo del maxi emendamento sul ddl scuola, sul quale il governo si accinge a mettere la fiducia, presenta una norma ambigua sulle attivita' educative che potrebbe consentire la diffusione nelle scuole della teoria sul gender. Pertanto abbiamo chiesto un incontro urgente ai ministri Giannini e Boschi, che si svolgera' domani mattina in Senato prima dell'inizio dei lavori d'aula". Lo dichiarano, dopo un incontro con il comitato promotore della manifestazione di piazza San Giovanni, i senatori di Area Popolare che hanno preso parte alla manifestazione stessa: Sacconi, D'Ascola, Di Biagio, Formigoni, Giovanardi, Marinello e Quagliariello. (AGI)

Leggi il contenuto... (302 letture)


Giovanardi (Ap): riformulazione unioni civili è presa in giro?

Pd dovrebbe tener conto del family day di sabato

Roma, 23 giu. (askanews) - "Non è chiaro se quello che è avvenuto oggi in commissione Giustizia del Senato sia una cosa seria o una presa in giro concordata in un gioco delle parti  fra presidente della commissione Nitto Palma e la relatrice Cirinnà". Lo afferma Carlo Giovanardi capo gruppo Ncd  in commissione Giustizia al Senato. "La relatrice infatti aveva presentato a sorpresa un suo emendamento, che ricalcava il contenuto di vari emendamenti già resi ammissibili dalla presidenza, che recitava: "in attuazione degli art. 2 e 3 della costituzione, nonché dell'art. 8 della convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, nel rispetto delle prerogative del legislatore nazionale, la presente legge istituisce un'unione civile fra persone dello stesso sesso' - racconta Giovanardi -. In tempo reale il presidente lo ha dichiarato inammissibile ed ha invitato la relatrice a riformularlo, ed in tempo reale la relatrice lo ha riformulato, in questi termini: 'Le disposizioni del presente titolo istituiscono l'unione civile fra persone dello stesso sesso'. Ci sarà tempo sino a lunedì prossimo, termine fissato per i subemendamenti a questa e ad altre due riformulazioni del relatore per capire se da parte del Pd c'è davvero la volontà di tener conto della grande manifestazione popolare di sabato scorso a sostegno della famiglia così come disegnata dall'art. 29 della Costituzione o di sollevare semplicemente cortine fumogene per introdurre di fatto nel nostro ordinamento matrimonio gay, adozioni e utero in affitto".

Leggi il contenuto... (91 letture)


Unioni civili: Giovanardi, in 5 secondi da modifica al nulla
(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Prima la soddisfazione "per un fatto nuovo di grande importanza ed una modifica strutturale" poi "lo svuotamento del fatto nuovo". Il senatore di Ap, Carlo Giovanardi, da sempre "oppositore" del ddl Cirinnà sulle Unioni civili commenta così quanto avvenuto oggi in Commissione Giustizia e bolla tutto come "una presa in giro".  "Å un tentativo di dire all'Europa guarda che riconosciamo i diritti dei singoli, non è che poi puoi far passare adozioni e quant'altro  - ha commentato Giovanardi - un fatto nuovo, insomma. Peccato, però che la relatrice abbia accettato in neanche cinque secondi la riformulazione dove i riferimenti agli articoli 2 e 3 della Costituzione sono scomparsi. Ora, quindi, dobbiamo capire cosa è successo".(ANSA).
Leggi il contenuto... (87 letture)


CENTRODESTRA. FAMIGLIA, GIOVANARDI A BERLUSCONI: BISOGNA CHIARIRE
ECCO IL TESTO DELLA LETTERA INVIATA DAL SENATORE (NCD)

(DIRE) Roma, 22 giu. - "Perche', caro Silvio, qui bisogna essere chiari: la posta in gioco non sono i diritti e la non discriminazione ma la pretesa delle associazioni gay militanti di aprire la porta, tramite le unioni civili riservate esclusivamente alla coppie omosessuali, al commercio di materiale genetico con la compravendita di ovociti, seme maschile, utero in affitto (vedi la recente fiera mercato di Bruxelles) per poter ordinare un bambino, sfruttando la miseria e la disperazione di chi e' costretto a vendersi per sopravvivere; l'adozione dei bambini. In entrambi i casi il superiore interesse del bambino ad aver un padre ed una madre, viene sacrificato ai desideri di coppie omosessuali, un 'presunto diritto' non condiviso neppure da larga parte del mondo omosessuale (vedi le illuminanti posizioni di Aldo Busi, Franco Zeffirelli, Dolce e Gabbana ecc.); si tratta di una vera e propria rivoluzione antropologica spacciata per progresso e modernita' mentre e' invece la riproposizione di forme di schiavitu' e di sfruttamento che speravamo fossero state per sempre condannate dalla storia'". Questo "ho scritto nei giorni scorsi al Presidente Berlusconi, chiedendogli scherzosamente di consultarsi seriamente ed in maniera approfondita con se stesso, prima di rispondermi, circa l'atteggiamento di Forza Italia sul disegno di legge Cirinna'. Nella lettera ho ricordato che sono stato nella XIV legislatura ministro per i rapporti con il Parlamento nel II e III dei suoi Governi, e nella XVI sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel suo IV Governo con delega alla famiglia". Cosi' in un comunicato Carlo Giovanardi, senatore del Ncd. "Ho sottolineato- prosegue la nota di Giovanardi- come in quei nove anni c'e' sempre stata perfetta sintonia nei contenuti delle politiche di Governo anche grazie ai solidi principi 'salesiani' che hanno connotato la nostra comune esperienza scolastica ed educativa: in particolare la Conferenza Nazionale della Famiglia del 2010 a Milano ed il Piano Nazionale per la famiglia, successivamente adottato dal nostro governo, sono stati due momenti di lavoro, di elaborazione e di programmazione che hanno ottenuto un amplissimo consenso, purtroppo traumaticamente interrotti dagli eventi del novembre del 2011". "Ho menzionato al Presidente che durante la campagna elettorale del 2013, rispondendo ad una domanda di Bruno Vespa sul programma del Pdl riguardo alle coppie di fatto, la sua risposta si riferi' esplicitamente ad un mio disegno di legge, che, attraverso contratti di solidarieta' e convivenza, garantisce i diritti dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalita' (art. 2 della Cost.) come piu' volte indicato dalla Corte di Cassazione e dalla Corte Costituzionale, con riferimento alle coppie etero ed omosessuali, da non confondere con l'art. 29 della Costituzione, che riconosce la famiglia come societa' naturale fondata sul matrimonio". Come anticipato nella lettera a Berlusconi, "ne rendo pubblico il contenuto, in fiduciosa attesa di una risposta, per conoscere con spirito di amicizia, se il presidente intenda confermare la politica sostenuta nei nove anni dei suoi governi e la proposta della campagna elettorale del 2013 oppure se questa posizione nel frattempo e' cambiata", conclude la nota di Giovanardi.
Leggi il contenuto... (148 letture)


LETTERA AL PRESIDENTE BERLUSCONI
Questo è il testo integrale della lettera che ho inviato nei giorni scorsi a Silvio Berlusconi sulla questione delle unioni civili  e del disegno di legge "Cirinnà".
Leggi il contenuto... (224 letture)


Unioni civili: Giovanardi, farò battaglia contro matrimoni gay

(ANSA) - ROMA, 21 GIU - "Quando martedì riprenderà in senato l'esame degli emendamenti sul disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili, sui quali relatrice e governo dovranno esprimere i pareri, sentirò la responsabilità, ma anche la forza, di combattere una battaglia giusta con alle spalle una immensa mobilitazione popolare, per garantire diritti per tutti, nella salvaguardia del principio di "famiglia come società naturale fondata sul matrimonio", contenuto nell'Art- 29 della nostra Costituzione laica e repubblicana, ma soprattutto il diritto dei bambini di nascere e di crescere con un padre e una madre". Lo afferma Carlo Giovanardi, senatore Ncd. "Alla senatrice Fedeli - prosegue - che nega che la sua proposta di legge, che intende stanziare duecento milioni di euro per l'insegnamento della teoria di genere in ogni ordine e grado di scuola pubblica, voglia perseguire le finalità denunciate al family day, ricordo che il testo della proposta indica come finalità: "la promozione di cambiamenti nei modelli comportamentali al fine di eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni, e altre pratiche socio-culturali fondati sulla differenziazione delle persone in base al sesso di appartenenza e sopprimere gli ostacoli che limitano di fatto la complementarietà tra i sessi nella società". (ANSA).

Leggi il contenuto... (75 letture)


ROMA PIAZZA SAN GIOVANNI 20 GIUGNO 2015 FAMILY DAY


Così appariva, ripresa dall'alto, Piazza San Giovanni a Roma con il milione di persone accorse per il FAMILY DAY. Ieri ero uno tra un milione. Martedì in Commissione Giustizia al Senato, quando si riprenderà la discussione sul Disegno di Legge Cirinnà, sentirò la responsabilità ma anche la forza di combattere con un immenso sostegno popolare una battaglia giusta per garantire diritti per tutti, ma salvaguardando la famiglia così come definita dall'Art. 29 della nostra Costituzione laica e repubblicana ed il diritto dei bambini di nascere e di crescere con un padre e una madre.

Leggi il contenuto... (162 letture)


Family Day: Giovanardi, 70% italiani contrari a Ddl Cirinnà

(ANSA) - ROMA, 20 GIU - "Da martedì in Senato saranno discussi gli emendamenti del provvedimento a firma Cirinnà ma il 70% degli italiani è contrario sia alle adozioni che all'utero in affitto. Quanto ai diritti delle persone, tutti siamo d'accordo". Così il senatore Carlo Giovanardi, mischiato tra la folla nel corso del Family Day, appena iniziato a piazza San Giovanni, a Roma. "Questa piazza - prosegue Giovanardi - dimostra che quel che tentano di fare una parte del Pd e i Cinque Stelle è una sopraffazione. Se avessero vinto le elezioni, avrebbero il diritto di agire in questo senso, ma così non è". A sostenere l'iniziativa sono esponenti di Area Popolare-Ncd, Fratelli d'Italia, alcuni esponenti di FI e del disciolto Movimento che faceva capo a Mario Monti. (ANSA).

Leggi il contenuto... (96 letture)


Cannabis: Gasparri-Giovanardi, Governo vuole liberalizzazione?

(ANSA) - ROMA, 19 GIU - "Il governo dica chiaramente se vuole liberalizzare la droga. Non si può ignorare che un esponente dell'esecutivo, quale l'on. Della Vedova, sia il promotore dell'aberrante proposta di legge che prevede tra l'altro depenalizzazione e legalizzazione dell'uso della cannabis e addirittura la vendita in appositi coffe shop". Lo affermano congiunta i senatori Maurizio Gasparri (FI) e Carlo Giovanardi (Ap). "La posizione di Della Vedova e di una serie di parlamentari, secondo cui solo in questo modo si combattono consumo e narcomafie - rilevano - è ridicola e smentita da autorevoli magistrati. Non meraviglia che Della Vedova e co. abbiano come mentore Saviano. Gli consigliamo ben altre letture e approfondimenti. Rileggano quanto disse anni fa Borsellino e oggi sostiene il procuratore antimafia Gratteri, per il quale non solo uno Stato democratico non può permettersi il lusso di liberalizzare qualcosa che uccide, ma soprattutto la vendita al pubblico non risolverebbe affatto il problema del mercato nero avendo lo Stato costi di produzione e diffusione più alti. Ci aspettiamo da Renzi e non solo una chiara presa di posizione. Non si può giocare in questo modo con la vita. In Parlamento daremo battaglia".

Leggi il contenuto... (194 letture)


Ustica, sentenze schizofreniche e risarcimenti
Da: "Panorama" del 19 giugno 2015. LEGGI TUTTO!!!
Leggi il contenuto... (72 letture)


Cannabis: Giovanardi, no liberalizzazione da governo con Ncd

(ANSA) - ROMA, 18 GIU - "Non mi risulta che il governo sia orientato verso un provvedimento di legalizzazione della cannabis. Se fosse così, non sarebbe il governo di Ncd". Il senatore Carlo Giovanardi commenta le indiscrezioni sulla proposta di legge per legalizzare la cannabis dell'intergruppo parlamentare promosso dal sottosegretario Benedetto Della Vedova. "E non dimentichiamo che il ministro della Salute è di Ncd", aggiunge l'esponente centrista che spesso guida il fronte parlamentare contrario al via libera alle droghe leggere. "Della Vedova non è il governo - sottolinea al telefono Giovanardi - E' un radicale, fa sue queste battaglie da quando ha iniziato a fare politica". "In ogni caso - aggiunge il senatore Ncd - non capisco cosa vogliano fare i firmatari di questa proposta. In Italia il consumo è già depenalizzato e sono previste soltanto ammende pecuniarie. C'era il problema per i malati che non potevano curarsi con la cannabis. Ebbene, è stato stabilito per legge che l'istituto militare possa coltivare le piante con prezzi ridotti". "A cosa serve questo progetto che, a quel che capisco, recepirebbe le proposte di M5S e Sel? Cosa vogliono fare? Diffondere l'uso della cannabis? - rimarca - Sembra più che altro una scelta ideologica. Non possono mica dimostrare che la cannabis non fa male. Tutti gli ultimi studi dimostrano che fa malissimo. Non è una opinione, è un dato medico". "Il problema è che, con la legalizzazione della cannabis, dall'attuale 2%-3% di popolazione che l'ha provata almeno una volta nella sua vita si arriverebbe velocemente al 30% come avviene per le statistiche sul tabacco. E questo avrebbe riflessi economici, sociali e di salute devastanti per tutto il Paese. Ricordiamoci - conclude il senatore - che l'uso di queste sostanze per chi è alla guida e causa un incidente mortale rientra nel reato di omicidio colposo". (ANSA).

Leggi il contenuto... (447 letture)


Azzollini: Giovanardi, fumus persecutionis? Siamo all'arrosto
 (ANSA) - ROMA, 18 GIU - "Azzollini ha demolito le indagini e se volete la mia opinione siamo all'arrosto più che al fumus persecutionis". Così il senatore di Ap, Carlo Giovanardi, ha commentato l'audizione di Antonio Azzollini davanti alla giunta delle Immunità del Senato.(ANSA). 
Leggi il contenuto... (69 letture)


Azzollini: Giovanardi, vittima di una frase inventata
(ANSA) - ROMA, 18 GIU -  "Antonio Azzollini è vittima di una frase che è stata totalmente inventata da qualcuno che stava fuori della porta...". Così il senatore di Ncd Carlo Giovanardi difende il suo collega di partito Antonio Azzollini prima di entrare nella Giunta per le immunità del Senato che dovrà decidere sulla richiesta di arresto arrivata dalla Procura di Trani proprio nei confronti del presidente della commissione Bilancio di Palazzo Madama, Azzollini.(ANSA).
Leggi il contenuto... (71 letture)


VIDEO DELL'INTERVENTO DEL SEN. GIOVANARDI IN DIREZIONE NAZIONALE DEL PDL




 
Leggi il contenuto... (1713 letture)


GIOVANARDI A TUSCANIA PER LANCIARE LIBERATI

Leggi tutto L'articolo, da "Nuovo Viterbo Oggi" del 27 maggio 2009
Leggi il contenuto... (1980 letture)


''QUOZIENTE FAMILIARE ENTRO LA LEGISLATURA''
FAMIGLIA CRISTIANA-
INTERVISTA CON IL SOTTOSEGRETARIO CARLO GIOVANARDI
Leggi il contenuto... (2578 letture)



   Sede di ROMA
 
Clicca qui per leggere i recapiti della nuova sede dei Popolari Liberali
 
 

   Adesione
   
 

   Referenti
 

 
 

   Bacheca
 
Rogério Silveira de Carvalho: Scrivi qui il tuo messaggio.Quanto esta custando a...
Giovanni: Condivido l'operato del Sottosegretario :)...
giuseppe da ancona: mi dispiace per voi ma continuo ad essere fedele a...

Scrivi/leggi i messaggi sulla nostra bacheca
(2586 messaggi presenti)
 
 

   Old Articles
 
Thursday, 18 June
· UNIONI CIVILI: COMITATO PER FAMIGLIA, NO EQUIPARAZIONE A MATRIMONIO
Wednesday, 17 June
· I BAMBINI NON SI COMPRANO
· UNIONI CIVILI, STRETTA SUGLI EMENDAMENTI
Tuesday, 16 June
· Unioni civili:Giovanardi, noi in piazza contro teoria gender
Monday, 15 June
· Come ti condanno un senatore senza nemmeno processarlo
Saturday, 13 June
· "Arrestare i parlamentari? A rischio il gioco democratico"
Friday, 12 June
· Azzollini: Giovanardi, ha imbrogliato Camere e 5 governi?
Thursday, 11 June
· Orfini: voteremo arresto Azollini. Ap: Pd legga prima le carte
· DICHIARAZIONE REDDITI, INTERROGAZIONE NCD SU INTERMEDIARI
Wednesday, 10 June
· MATERNITA' SURROGATA GAY

Articoli Vecchi
 
 

   Link consigliati
 
 
 

 

Copyright © 2006 Carlo Giovanardi - Contattaci - Amministrazione

Powered by dicecca.net - Web Site