News ed Eventi
 
Droga: Giovanardi, giornata mondiale è contro, non a favore

PRESENTAZIONE LIBRO EUGENIO BARESI: USTICA STORIA E CONTROSTORIA

USTICA: NOI VOGLIAMO LA VERITA'

USTICA: APPELLO A GENTILONI, RENDERE PUBBLICHE LE CARTE DOPO 37 ANNI

STUDIO APERTO: EUGENIO BARESI PRESENTA "USTICA SORIA E CRONOSTORIA"

Cannabis: Giovanardi, Roberti si arrende, Gratteri no

USTICA. GIOVANARDI: CARTE ANCORA COPERTE DA SEGRETO, UNA VERGOGNA

CANNABIS: GRATTERI, LEGALIZZARLA E' APPROCCIO PERDENTE

Ustica: Giovanardi, a Icao mai inviato rapporto incidente

Circhi: Giovanardi, pagliacci veri sono nel governo

Droga:Giovanardi a Della Vedova,sentiremo Gratteri che pensa

Scuola: Giovanardi, al sit-in per solidarietà con genitori

TUTTE LE ANOMALIE SULLA COMMISSIONE ADOZIONI INTERNAZIONALI

SICUREZZA, ACCESA BAGARRE IN CONSIGLIO COMUNALE

Ius soli: Giovanardi, ci sono errore e omissione micidiali

ADOZIONI. GIOVANARDI: COME È GESTITA LA COMMISSIONE INTERNAZIONALE?

ADOZIONI, IL LATO OSCURO DELLO STATO

Comunali: Quagliariello, bene dati "Idea",unire centrodestra

Sicurezza: Idea, invitare parlamentari a feste Arma e Ps

Giovanardi, cani antidroga al concerto di Vasco Rossi

Vasco Rossi, Giovanardi (Idea Popolo E Liberta')

Gay:Giovanardi, bambini nel carrello spesa, che dice sindaco?

WHITE LIST DA RIVEDERE. ECCO LE MIE BATTAGLIE IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

EPITAFFIO PER IL DEFUNTO NCD

CANNABIS: GIOVANARDI, 'REPUBBLICA' TOLGA LIBERALIZZAZIONE DA LEGGI URGENTI

Legge elettorale: Giovanardi, i tempi li decide il Parlamento

AL MAKP 100 DELL'ACCADEMIA MILITARE DI MODENA

Senato: Aula ufficializza nuovo gruppo di Quagliariello, FdL

PREMIO SPECIALE "BENE COMUNE 2017"

RESTO DEL CARLINO MODENA 21.05.2017


Archivio news
 
 


Droga: Giovanardi, giornata mondiale è contro, non a favore
(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Ricordo ai radicali che quella di oggi è la giornata mondiale di lotta contro l'abuso di droghe e traffico illecito e non la giornata per propagandare la legalizzazione della cannabis. La tragica vicenda di Domenico Diele dimostra ancora una volta gli effetti perversi dell'uso delle sostanze contro la diffusione delle quali purtroppo il Governo Renzi e il Governo Gentiloni hanno azzerato tutte le politiche di prevenzione e educazione a suo tempo portate avanti dal Dipartimento Nazionale di lotta alle tossicodipendenze". Lo scrive in una nota Carlo Giovanardi, senatore di Idea popolo e libertà.
Leggi il contenuto... (81 letture)


PRESENTAZIONE LIBRO EUGENIO BARESI: USTICA STORIA E CONTROSTORIA
 
Leggi il contenuto... (84 letture)


USTICA: NOI VOGLIAMO LA VERITA'
Ai films, agli sceneggiati  e alle sceneggiate da "fantascienza", utili per fare spettacolo  e sviare l'opinione pubblica noi contrapponiamo  la volontà di arrivare alla verità  da parte di personalità  di indiscutibile competenza e professionalità nel campo aeronautico. 
Ecco per esteso l'elenco dei sottoscrittori dell'appello al Presidente del Consiglio affinchè venga tolto il segreto sulle carte riguardanti Ustica 

GIULIANA CAVAZZA  Presidente Onorario Associazione  Verità sul disastro aereo di Ustica, figlia di una delle vittime.

Gen. AR LAMBERTO BARTOLUCCI già - Capo di Stato Maggiore Aeronautica e Difesa 

On. EUGENIO BARESI Segretario  Commissione Stragi XII legislatura

Sen. VINCENZO MANCA  Vice Presidente Commissione Stragi XIII Legislatura

Sen. CARLO GIOVANARDI  già ministro dei Rapporti con il Parlamento 

Ammiraglio AR MARCELLO DI DONNO già Capo di Stato Maggiore  Marina

GIUSEPPE SCANDURRA  Procuratore Generale Militare 

Gen. AR LEONARDO TRICARICO già Capo di Stato Maggiore  Aeronautica 

GREGORY ALEGY  Storico Giornalista

FRANCO BONAZZI Esperto aeronautico

RICCARDO DURIONE   Pilota professionista

FRANCESCO FARINELLI Ricercatore Storia contemporanea

LUCIANO FORZANI Pilota collaudatore 

PAOLO MEZZANOTTE Ingegnere Aeronautico

ALBERTO NOTARI  Ingegnere Aeronautico

COM. ADALBERTO PELLEGRINO Presidente associazione piloti

ISABELLA STIFANI Giornalista aeronautica

Leggi il contenuto... (78 letture)


USTICA: APPELLO A GENTILONI, RENDERE PUBBLICHE LE CARTE DOPO 37 ANNI
USTICA: APPELLO A GENTILONI, RENDERE PUBBLICHE LE CARTE DOPO 37 ANNI
Sottoscritto da famigliari delle vittime, militari ed esperti aeronautici Roma ,26 giu. (AdnKronos)
"Vogliamo che gli appelli a far luce su quanto accadde quella notte non restino facile retorica, ma si traducano in risultati concreti ed evitino di delegittimare i risultati consolidati nei giudizi penali di ogni ordine e grado". Inizia così la lettera rivolta al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni perché venga rivelata la verità sulla esplosione del Dc9 Itavia di USTICA, che chiede al premier "di voler rendere pubblica quella documentazione che abbiamo motivo di ritenere sgombererebbe il campo voci, falsità e manipolazioni che hanno creato sul caso USTICA un immaginario collettivo totalmente fuorviante". Un appello con le firme di Giuliana Cavazza presidente onorario 'Associazione Verità sul disastro aereo di USTICA', figlia di una delle vittime, Lamberto Bartolucci già Capo di Stato Maggiore Aeronautica e Difesa, Eugenio Baresi, segretario Commissione Stragi XII legislatura, Vincenzo Manca, senatore e vice presidente Commissione Stragi XIII Legislatura, Carlo Giovanardi, senatore e già ministro dei Rapporti con il Parlamento, Marcello Di Donno, ammiraglio già Capo di Stato Maggiore Marina, Leonardo Tricarico, generale già Capo di Stato Maggiore Aeronautica. Hanno firmato inoltre Gregory Alegy, storico giornalista, Franco Bonazzi, esperto aeronautico, Riccardo Durione, pilota professionista, Francesco Farinelli, ricercatore Storia contemporanea, Luciano Forzani, pilota collaudatore, Paolo Mezzanotte, ingegnere aeronautico, Alberto Notari, ingegnere aeronautico, Adalberto Pellegrino, presidente associazione piloti, Giuseppe Scandurra, procuratore generale militare e Isabella Stifani, giornalista aeronautica.
Bomba senza dubbio causa esplosione. "Come Associazione per la Verità su USTICA, costituita ormai da due anni sotto la presidenza della figlia di una delle vittime innocenti - si legge nel testo - abbiamo di recente appurato che l'Italia non ha mai presentato all'Icao, l'agenzia dell'Onu che sovrintende all'aviazione civile mondiale, il rapporto finale sulle cause della distruzione del DC-9. Si tratta di un atto richiesto dalle convenzioni internazionali, che vede l'Italia inadempiente. Più che chiedere di conoscere a chi spetti colmare la lacuna e perché a ciò non si sia provveduto, riteniamo necessario sottolineare la necessità di fare chiarezza su un evento così drammatico". "Gli esiti del processo penale hanno infatti recepito la perizia tecnica d'ufficio sottoscritta da 11 dei maggiori esperti mondiali di aviazione, che identificò senza alcun dubbio la causa della perdita del DC9 Itavia nella esplosione di una bomba nella toilette di bordo - scrivono nell'appello Giovanardi e gli altri - . Tale perizia è diffusamente accettata in tutto il mondo e non è mai stata smentita in giudizio, al contrario delle 29 fantasiose ipotesi che si sono succedute negli anni. La sua mancata ufficializzazione appare tanto più improvvida oggi che gli attentati terroristici agli aerei di linea sono una minaccia costante". "Le sentenze penali, passate in giudicato da tempo, hanno stabilito che non vi fu alcuna battaglia aerea, che non vi fu alcun missile e che le narrazioni giornalistiche sono materiale per romanzi di spionaggio sui quali non è possibile fondare sentenze. Hanno inoltre stabilito che non vi furono né depistaggi né comportamenti infedeli da parte dei vertici dell'Aeronautica Militare", si legge nel testo. Mancata verita' costata gia' 62 miilioni di euro, prevista spesa di altri 300. "Le sentenze civili che hanno accolto l'ipotesi del missile lo hanno fatto non solo applicando criteri di prova meno stringenti, ma soprattutto perché lo Stato non ha prodotto in giudizio le sentenze penali, lo ha fatto in ritardo e non ha in genere difeso l'impegno rigoroso dei giudici penali. Per questo i cittadini italiani, che hanno già versato 62 milioni di Euro per il doveroso indennizzo ai familiari delle vittime, dovranno pagare altri 300 milioni di Euro di risarcimento alla Società Itavia ed altri, sulla base di un'ipotesi che non ha mai superato il vaglio dibattimentale". "Su questo potrebbero gettare nuova luce carte che - nonostante il Presidente del Consiglio Matteo Renzi avesse annunciato di aver tolto il segreto di Stato su tutta l'enorme mole di documentazione dell'inchiesta su USTICA - restano ancora coperte da segreto e non divulgabili", aggiungono nella lettera indirizzata al premier. "Associandoci a quanto deliberato dal Senato il 6 aprile 2017, in questo 37° anniversario le chiediamo di voler rendere pubblica quella documentazione che abbiamo motivo di ritenere sgombererebbe il campo voci, falsità e manipolazioni che hanno creato sul caso USTICA un immaginario collettivo totalmente fuorviante", conclude la lettera.
Leggi il contenuto... (64 letture)


STUDIO APERTO: EUGENIO BARESI PRESENTA "USTICA SORIA E CRONOSTORIA"
 
Leggi il contenuto... (153 letture)


Cannabis: Giovanardi, Roberti si arrende, Gratteri no
Cannabis: Giovanardi, Roberti si arrende, Gratteri no 
(ANSA) - ROMA, 22 GIU - "Proprio ieri in commissione Antimafia il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, ha sostenuto come la legalizzazione della cannabis significherebbe la resa dello Stato, un favore fatto alla criminalità organizzata, spiegando dettagliatamente il perché è inevitabile che questo avvenga". Lo dice il senatore Carlo Amedeo Giovanardi (Idea Popolo e Libertà). "Questa mattina - aggiunge - il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti ha sostenuto la legalizzazione, con un proclama ideologico che non ha affrontato nessuna delle obiezioni tecniche del tipo di quelle esaustivamente illustrate da Gratteri". "Come dimostrano i dati ufficiali della legalizzazione in Colorado - prosegue Giovanardi - gli esiti di questa politica sono disastrosi con un drammatico aumento degli incidenti stradali, dei ricoveri ospedalieri e delle patologie che coinvolgono anche i minorenni. E' davvero paradossale che si metta in conto l'aumento di giganteschi problemi di ordine socio sanitario teorizzando un indebolimento della criminalità organizzata, smentita da chi sta in prima linea. Tra la linea di Gratteri e quella di Roberti sosteniamo decisamente la prima". (ANSA).
Leggi il contenuto... (122 letture)


USTICA. GIOVANARDI: CARTE ANCORA COPERTE DA SEGRETO, UNA VERGOGNA
USTICA. GIOVANARDI: CARTE ANCORA COPERTE DA SEGRETO, UNA VERGOGNA 
(DIRE) Roma, 21 giu. - A 37 anni dalla strage di Ustica non c'e' una verita' ufficiale da parte dello Stato italiano sul disastro aereo in cui persero la vita 81 persone il 27 giugno 1980. Lo testimonia la risposta che il segretario generale dell'Icao, Fang Liu, l'organismo internazionale con sede in Canada che tutela la sicurezza del volo, ha inviato alla signora Giuliana de' Faveri Tron Cavazza, che nel disastro aereo ha perduto la mamma e che un mese fa aveva scritto all'Icao per sapere se l'Italia ha ottemperato al dovere internazionale di chiarire in un rapporto finale le cause dell'incidente aereo. Nella lettera, resa pubblica dal senatore Carlo GIOVANARDI durante una conferenza stampa presso la sede della stampa estera, il segretario generale risponde alla signora, che il governo italiano non ha mai inviato quel rapporto. "L'invio del documento- spiega GIOVANARDI- e' un atto dovuto da parte dei governi, perche' solo determinando le cause dei disastri aerei e' stato possibile negli ultimi decenni fare passi avanti decisivi per la sicurezza di volo. Purtroppo l'Icao ha detto che l'Italia e' inadempiente. Non solo non e' mai arrivato il rapporto finale sulla tragedia di Ustica, ma anche il sollecito che il segretario generale dell'Icao ha fatto verso il rappresentate italiano dell'organismo, Marco Riccardo Rusconi, finora non ha avuto risposta". E cosi', continua il senatore di Idea, "da una parte abbiamo le prove delle commissioni tecniche del processo penale che hanno determinato che e' stata una bomba esplosa in una toilette di bordo a causare l'abbattimento dell'aereo e dall'altra tutti i film e gli sceneggiati tv, i racconti di fantascienza dei vari giornalisti che imperverseranno anche questo 27 giugno malgrado il processo penale abbia determinato con certezza che non c'e' stata nessuna battaglia area e nessun missile lanciato. Ed e' una vergogna che dopo 37 anni i documenti dell'epoca siano ancora coperti da segreto". A ricostruire tutte le vicende di quella tragedia ancora oggi senza colpevoli e' il libro ''Ustica. Storia e Controstoria'', edito da Koine' Nuove Edizioni e scritto da Eugenio Baresi, gia' segretario della commissione stragi della XII legislatura, che, giunto alla seconda ristampa. Il libro e' stato presentato durante la conferenza stampa presso la sede della Stampa Estera. Al dibattito, organizzato da Carlo GIOVANARDI, hanno partecipato, oltre all'autore, il giornalista e storico Gregory Alegi e Franco Bonazzi, esperto aeronautico. Baresi sottolinea che "dopo 37 anni i documenti dell'epoca sono ancora coperti da segreto e continuano a circolare sui media, compresa la tv di Stato, fantasiose ricotruzioni su missili inesistenti e battaglie aeree inventate che la Cassazione penale ha bollato come da fantascienza, mentre una commissione costituita da 11 esperti internazionali, fra cui inglesi, svedesi e tedeschi, ha determinato con certezza nell'esplosione di una bomba la causa dell'incidente. Nel libro- continua l'autore- sono raccontate 29 storie diverse per raccontare la fantomatica versione della battaglia aerea. Non e' che noi vogliamo avere ragione. Noi abbiamo ragione perche' i fatti e una sentenza ci danno ragione. Quello che e' successo ha due responsabili: l'ignavia dello Stato italiano e la complicita' dei media italiani nel raccontare il falso". GIOVANARDI conclude: "Io mi indigno come parlamentare italiano perche' dall'Egitto abbiamo ritirato il nostro ambasciatore per il caso Reggeni e su Ustica, dopo 37 anni, abbiamo ancora le carte coperte da segreto. Il 27 giugno sentiremo come al solito gli appelli solenni del presidente della Repubblica e dei presidenti di Camera e Senato affinche' si faccia chiarezza, ma poi nessuno fara' niente. Io mi aspetto che il documento votato all'unanimita' dal Senato, che invita il governo a rendere pubbliche le carte ancora segrete che risalgono al 1979-1980, venga soddisfatto. Le cose che ancora non sono divulgate devono essere messe a conoscenza dell'opinione pubblica". 
Leggi il contenuto... (79 letture)


CANNABIS: GRATTERI, LEGALIZZARLA E' APPROCCIO PERDENTE
CANNABIS: GRATTERI, LEGALIZZARLA E' APPROCCIO PERDENTE
 'Non si combattono cosi' le mafie' Roma, 
21 giu. (AdnKronos) - - La legalizzazione delle droghe "non è uno strumento per combattere le mafie". Nicola GRATTERI, procuratore capo di Catanzaro, in audizione in Commissione Antimafia sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, non ha alcun dubbio sulla legalizzazione: "è un approccio perdente, vuol dire 'alzo bandiera bianca'", ovvero "si ripiega sulla legalizzazione perché non si è in grado di contrastarla". "Bisognerebbe porsi un'altra domanda - continua GRATTERI -, se il legislatore, i ministeri e i governi sono in grado di dare strumenti proporzionati alla realtà criminale". GRATTERI poi ricorda uno studio secondo cui "con la legalizzazione della marijuana il costo in farmacia sarebbe di 12 euro al grammo, andando a regime si potrebbe scendere a 10 euro al grammo. Ma se al mercato nero sotto casa il tossicodipendente la paga 4 euro è immaginabile che vada in farmacia a comprarsela?". (Sib/AdnKronos) 
Leggi il contenuto... (169 letture)


Ustica: Giovanardi, a Icao mai inviato rapporto incidente
Ustica: Giovanardi, a Icao mai inviato rapporto incidente Senatore, clamorose rivelazioni a vigilia ricorrenza strage (ANSA) - ROMA, 21 GIU - Carlo Giovanardi annuncia clamorose rivelazioni sulla vicenda di Ustica alla vigilia dell'anniversario del 27 giugno. "La signora Giuliana de' Faveri Tron Cavazza, che ha perduto la mamma nel disastro aereo di Ustica del 1980, ha reso nota una lettera che le è pervenuta in data odierna dal Segretario generale dell 'ICAO, dr. Fang Liu, l'organismo internazionale con sede in Canada che tutela la sicurezza del volo. Nella lettera il Segretario Generale risponde alla signora che il Governo italiano non ha mai inviato il rapporto finale sull'incidente, atto dovuto da parte dei governi perché solo determinando le cause dei disastri aerei è stato possibile negli ultimi decenni fare passi avanti decisivi per la sicurezza di volo", spiega il senatore Giovanardi. Nella lettera il segretario generale "ricorda anche di aver sollecitato il rappresentante italiano presso l'ICAO, Marco Riccardo Rusconi, per ottenere una risposta dall'Italia". Il documento verrà illustrato oggi alla Stampa estera nell'ambito della presentazione del libro dell' on. Eugenio Baresi, ex segretario della Commissione stragi, dal titolo "Ustica storia e contro storia", nel quale si sottolinea come dopo 37 anni i documenti dell'epoca siano ancora coperti da segreto e continuano a circolare sui media, compresa la TV di Stato, fantasiose ricostruzioni su missili inesistenti e battaglie aeree inventate che la Cassazione penale ha bollato come da fantascienza, mentre una commissione costituita da 11 esperti internazionali, fra cui inglesi, svedesi e tedeschi ha determinato con certezza nell'esplosione di una bomba nella toilette di bordo la causa dell'incidente". (ANSA).
Leggi il contenuto... (89 letture)


Circhi: Giovanardi, pagliacci veri sono nel governo
Circhi: Giovanardi, pagliacci veri sono nel governo (ANSA) - ROMA, 20 GIU - "I pagliacci al circo fanno ridere, e il comportamento di un Governo che si comporta da pagliaccio no. Il ministero dei Beni culturali aveva dato parere favorevole in Commissione cultura al Senato a un emendamento che prevedeva la riduzione e non l'azzeramento dei contributi al circo con gli animali e oggi sotto la pressione degli animalisti è tornato a sposare la tesi dell'azzeramento". Lo afferma in una nota il senatore di "Idea" Carlo Giovanardi. "E' un atteggiamento che si piega al fanatismo ideologico di chi considera un delitto la collaborazione fra uomini e animali: che dire allora di pratiche sportive e olimpioniche come l'ippica e il dressage, l'addestramento e l'utilizzo dei cani per salvare vite umane nelle macerie dei terremoti e nelle valanghe, le milioni di persone che convivono con animali negli appartamenti, pur non avendo a disposizione spazi dove farli vivere in libertà? Tutti dovrebbero essere preoccupati di garantire il benessere animale, da tutelare ovunque, e magari rileggersi la straordinaria preghiera dei circensi magistralmente interpretata dal grande Totò, per capire quale delitto che contrasteremo in tutti i modi nella discussione in Aula, si sta compiendo condannando a morte il circo, e la sua tradizione secolare esaltata nella letteratura, nella poesia, nel cinema e dai grandi della pittura", conclude. (ANSA). BSA-COM 20-GIU-17 18:54 NNN
Leggi il contenuto... (103 letture)


Droga:Giovanardi a Della Vedova,sentiremo Gratteri che pensa
Droga:Giovanardi a Della Vedova,sentiremo Gratteri che pensa Prevista sua audizione in Antimafia. Colorado, dati catastrofici 
(ANSA) - ROMA, 18 GIU - "Il sottosegretario agli Esteri Della Vedova insiste nel tentativo di legalizzare l'uso della cannabis prima della fine di questa legislatura. Della Vedova dovrebbe rendere pubblici i dati di fonte governativa del Colorado, dove la legalizzazione si sta dimostrando una catastrofe dal punto di vista dell'aumento dei consumi, degli incidenti stradali e delle patologie, anche nei minorenni, collegate all'uso delle sostanze. La storiella poi che la legalizzazione danneggerebbe i traffici delle mafie, a suo tempo contrastate decisamente da Paolo Borsellino, è contestata anche oggi da chi sta in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata: sarà interessante mercoledì 21, dove è prevista l'audizione in Commissione Antimafia del Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, sentire in quella sede parlamentare la sua opinione in merito". Lo afferma in una nota il senatore di "Idea" Carlo Giovanardi. (ANSA). 
Leggi il contenuto... (196 letture)


Scuola: Giovanardi, al sit-in per solidarietà con genitori
Scuola: Giovanardi, al sit-in per solidarietà con genitori 
(ANSA) - ROMA, 17 GIU - "Assieme alla collega Eugenia Roccella abbiamo partecipato questa mattina al sit-in di protesta delle Associazioni dei genitori davanti al Ministero della Pubblica Istruzione. Condividiamo infatti pienamente la richiesta di un confronto col Ministro Fedeli che garantisca i diritti della famiglia e dei genitori nel dialogo con le autorità scolastiche su temi delicati come quelli dell' introduzione nella scuola della tematiche Lgbt e di gender". Lo scrive il senatore di Idea - Popolo e Libertà, Carlo Giovanardi. "E' davvero paradossale - dice - che la stessa maggioranza che contesta e contrasta il ruolo del medico nelle disposizioni di ultima volontà, esclusivo appannaggio dei familiari, rivolti la frittata nella scuola escludendo di fatto i genitori dal diritto/dovere di educare i figli. In ambedue i casi noi siamo invece perché si affermi un rapporto di leale collaborazione che non faccia prevalere le convenienze e le sopraffazioni ideologiche".(ANSA).



Leggi il contenuto... (279 letture)


TUTTE LE ANOMALIE SULLA COMMISSIONE ADOZIONI INTERNAZIONALI

"Le adozioni crollano ma il Pd ha difeso fino all'ultimo Silvia Della Monica"

silvia della monica

Senatore Giovanardi, il Fatto Quotidiano ha portato alla luce il caso di Silvia Della Monica, ex magistrato e senatrice del Pd. In base alle intercettazioni, emerse nell’ambito del processo in corso a Savona a carico della onlus "Airone", le accuse nei confronti di Della Monica sono gravi: fascicoli buttati nel cassonetto alle 3 di notte, invito alle associazioni sotto indagine a "non usare il cellulare", reticenza di fronte ai magistrati, riferimenti all'allora premier, Renzi ("lo dico a Matteo") che appaiono come tentativi di ricordare ai magistrati che si gode di potenti appoggi. Eppure la senatrice fino a ieri era alla guida della Commissione Adozioni Internazionali…

Eh già. E anche la sua nomina alla guida del Cai è stata fatta contravvenendo alla legge come abbiamo denunciato più volte.

In che senso?

Beh, le anomalie non sono poche. Anzitutto la Della Monica, ex magistrato, ex capogruppo del Pd in commissione giustizia, non aveva i requisiti previsti dalla legge per fare il Presidente, in quanto chi guida il Cai deve fare parte del governo, dato che la commissione deve essere presieduta dal Presidente del Consiglio o da un suo delegato. Seconda anomalia: il vicepresidente della commissione deve essere un magistrato con esperienza minorile. Lei, invece, è stata nominata sia presidente che vicepresidente della commissione, tant’è che a volte firmava da presidente, a volte da vice-presidente. Una cosa inaudita!

C’è una terza anomalia?

Si, forse quella più importante. In tre anni, la signora presidente non ha mai riunito la commissione. Per intenderci, io, nel mio periodo di presidenza al Cai, ho fatto una quarantina di riunioni dove si esaminavano le delibere, si discutevano, si approvavano o si ratificavano decisione prese d’urgenza. In questi tre anni, non è stato fatto niente di tutto ciò. Quindi tutte le decisioni che ha preso firmando a nome della commissione l’ha fatte senza mai riunire l’organo. E attenzione: la legge dice che le delibere non approvate o ratificate collegialmente decadono ex tunc, cioè come se non fossero mai esistite. Questo è il quadro di radicale illegalità in cui lei ha agito, a partire, come già detto, dalla sua nomina, fatta dall’allora Governo Renzi.

A questo punto viene da chiedersi: come mai la commissione non è stata riunita? Avete denunciato la situazione in Parlamento?

Naturalmente. Abbiamo presentato decine e decine di interrogazioni parlamentari e diverse denunce alla Procura. Ma, ad oggi, l’unica risposta che abbiamo avuto in merito è surreale. In pratica, per legge uno dei componenti della commissione deve essere designato dal Forum delle famiglie, realtà collegata alla Cei e composta da una cinquantina di associazioni. Una di esse è l’Aibi, che era già nel mirino di Della Monica, almeno a parole, perché poi, di fatto, lei non ha mai preso nessun provvedimento nei loro confronti. Eppure, in quanto Presidente della Commissione poteva farlo, eccome. Che sosteneva la Presidente? Che lei non riuniva la commissione perché al suo interno sedeva anche un rappresentante del Forum delle famiglie, in questo caso l’avvocato Simone Pillon, che – sia ben chiaro - non c’entra assolutamente niente con l’Aibi. Ripeto, è una cosa surreale. Per di più per il fatto che tale nomina è prevista dalla legge!

Stando alle intercettazioni, lei è stato anche tirato in ballo dalla Della Monica con parole non proprio dolci…

Lasciamo stare gli insulti nei miei confronti. Addirittura sono stato associato alla massoneria (sic!). In tal senso, non saprei se ridere o piangere. In ogni caso, quello che leggiamo nelle intercettazioni conferma un linciaggio a parole di tutto il passato della commissione. Accuse gravissime a destra e a manca non supportate mai da nessuna delibera. Quando ha criminalizzato alcuni enti, come l’Aibi appunto, avrebbe dovuto riunire la commissione e radiarli, se i fatti avessero dimostrato che questo era il comportamento da tenere. Cosa mai fatta. Ha dato priorità alle operazioni mediatiche: l’Espresso ha dedicato una copertina alla vicenda delle presunte gravi irregolarità da parte dell’Aibi in Congo, ottenendo denunce per diffamazione i cui processi sono in corso. Sul caso si sono scatenate anche diverse trasmissioni tv. Della Monica, poi, ha indotto alcune associazioni a mandare lettere di solidarietà nei suoi confronti…Per non parlare della vera nota dolente di tutta questa vicenda: le adozioni.

Infatti, in tutto questo, le adozioni che fine hanno fatto?

Sono crollate vertiginosamente. Tant’è che molte famiglie disperate si sono rivolte a me, che ora non ho nessuna più competenza in materia, perché in Commissione non rispondeva mai nessuno! Una cosa che ha destato sconcerto anche all’estero, con i paesi coinvolti nelle pratiche di adozione. Il governo, come ho già detto, è stato avvertito più volte da tutti i gruppi parlamentari che la Commissione non funzionava e avrebbe potuto intervenire prima per evitare questo crollo.

Alla luce di tutto ciò, cosa si sente di chiedere?

Spero solo che qualcuno intervenga per fare chiarezza sulla vicenda che, almeno per il momento, pur essendo grave, non ha ricevuto nessuna risonanza mediatica degna di nota, ad eccezione del Fatto ovviamente. 

Leggi il contenuto... (144 letture)


SICUREZZA, ACCESA BAGARRE IN CONSIGLIO COMUNALE
 
Leggi il contenuto... (133 letture)


Ius soli: Giovanardi, ci sono errore e omissione micidiali
Ius soli: Giovanardi, ci sono errore e omissione micidiali 
(ANSA) - ROMA, 16 GIU - Il testo sullo Ius Soli imposto all'Aula del Senato, senza nessuna discussione in commissione, contiene un errore ed una omissione micidiali, che contraddicono vistosamente le dichiarazioni a sostegno del Presidente del Gruppo PD sen. Luigi Zanda e del Vice segretario del PD e ministro Maurizio Martina". Lo afferma il sen. Carlo Giovanardi (Idea). "La cittadinanza italiana infatti verrebbe automaticamente assegnata su richiesta di almeno uno dei genitori, se in possesso del permesso di soggiorno, anche se il bambino come spesso accade torna al paese di origine per tutto il periodo dell'infanzia, senza nessuna possibilità di verifica della sua italianità. Per questo ho sempre proposto e continuo a proporre, con emendamenti già depositati in Aula, che la cittadinanza possa essere concessa al momento dell'iscrizione al primo anno della scuola dell'obbligo, naturalmente dopo una verifica della sua capacità di esprimersi nella nostra lingua. Per i bambini non nati in Italia, ma che hanno frequentato per un ciclo di istruzione le nostre scuole, deve valere il principio di una verifica della loro volontà di diventare cittadini italiani attraverso una adesione ai nostri principi costituzionali. Non volere questi paletti significa mandare a tutto il mondo il messaggio che basta nascere in Italia per diventare a tutti gli effetti cittadino italiano, a prescindere dalla reale permanenza nel nostro paese e della possibilità, per chi non è nato in Italia, di ottenere i diritti collegati alla cittadinanza ma senza accettare obblighi e doveri derivanti dalla nostra civiltà giuridica e dalla nostra Costituzione", conclude. (ANSA).
Leggi il contenuto... (106 letture)


ADOZIONI. GIOVANARDI: COME È GESTITA LA COMMISSIONE INTERNAZIONALE?
(DIRE) Roma, 15 giu. - "Lo sconvolgente articolo de il 'Fatto Quotidiano' sulla gestione della Commissione Adozioni Internazionali negli ultimi tre anni da parte della presidente e contemporaneamente vice presidente Silvia della Monica, ex magistrato ed ex capogruppo Pd in commissione giustizia del Senato, apre inquietanti scenari. Come e' possibile infatti che in questi tre anni, violando palesemente la legge, che prevede che le delibere siano discusse ed approvate dall'organo collegiale che e' la Commissione, dove siedono i rappresentanti di tutti i ministeri interessati, magistrati e rappresentanti delle associazioni familiari, tale commissione non sia mai stata riunita ne' per approvare ne' per ratificare le delibere proposte o gia' assunte dalla presidente-vice presidente". Cosi' il senatore Carlo GIOVANARDI. "Non si capisce perche'- aggiunge- alla luce di quanto stava appurando la Procura della Repubblica di Savona, nessun provvedimento sia stato assunto, e questa gestione, denunciata in ben 65 atti di sindacato ispettivo tra Camera e Senato abbia sempre avuto in Aula una difesa a spada tratta da parte del Governo Renzi malgrado le palesi e macroscopiche illegalita'. E' troppo chiedere il perche', anche alla luce del collo del numero dei bambini adottati dalle famiglie italiane all'estero?". 
Leggi il contenuto... (99 letture)


ADOZIONI, IL LATO OSCURO DELLO STATO
 
Leggi il contenuto... (98 letture)


Comunali: Quagliariello, bene dati "Idea",unire centrodestra
Comunali: Quagliariello, bene dati "Idea",unire centrodestra 
(ANSA) - ROMA, 12 GIU - "Dovunque in tutta "Idea" si sia presentata, con il simbolo del partito o con quello di movimenti civici federati, ha raggiunto ottimi risultati, in molti comuni addirittura in doppia cifra. Numerosi candidati sindaci da noi espressi hanno vinto nei comuni inferiori e sono arrivati al ballottaggio nei comuni superiori ai 15mila abitanti. Particolarmente significativi i risultati delle nostre liste nel Lazio, in Puglia e in comuni capoluogo come Verona, Gorizia, Frosinone, Rieti, Taranto, Piacenza". Lo afferma il senatore Gaetano Quagliariello, leader di 'Idea - Popolo e Libertà'. "Per quanto riguarda il centrodestra - prosegue - su due aspetti l'esito incoraggiante di questa tornata ci ha dato ragione: sull'importanza dell'elemento civico, che in molti casi ha addirittura trainato il risultato della coalizione, e sull'esistenza di un popolo che non si è mai spostato, che continua a manifestare la propria forza elettorale e la propria vitalità, e che in vista delle prossime scadenze nazionali aspetta solo che uno schieramento coeso e vincente possa dargli rappresentanza. L'esistenza e la consistenza di questo elettorato pongono il centrodestra davanti a una grande occasione ma anche alla responsabilità di non dissiparla". "Le idee ci sono, le energie anche. Ciò che dobbiamo fare - conclude Quagliariello - è tradurle al più presto in un programma condiviso che sia la traccia di una proposta politica unitaria che abbia le carte in regola per ambire al governo del Paese". (ANSA). 
Leggi il contenuto... (183 letture)


Sicurezza: Idea, invitare parlamentari a feste Arma e Ps
Sicurezza: Idea, invitare parlamentari a feste Arma e Ps 
(ANSA) - ROMA, 10 GIU - "Prevedere la presenza dei membri del Parlamento in occasione delle annuali feste della Polizia e dell'Arma dei Carabinieri che si svolgono in ogni provincia nei mesi di maggio e giugno"; evitare incomprensibili difformità; non privare i legislatori, impegnati nella discussione di tematiche legate alla sicurezza che richiedono conoscenza delle problematiche e delle criticità dei territori, di una "proficua occasione di ascolto delle forze dell'ordine". E' quanto si chiede in una interrogazione presentata dal senatore di 'Idea - Popolo e Libertà' Gaetano Quagliariello con i colleghi Carlo Giovanardi e Luigi Compagna al presidente del Consiglio e ai ministri dell'Interno e della Difesa. Al governo si imputa infatti, "per azione o omissione", e "a dispetto delle rassicurazioni fornite per le vie brevi dai vertici di Polizia e Carabinieri", di non aver "ripristinato e uniformato a livello nazionale la consuetudine da sempre vigente di invitare i legislatori eletti nel territorio alle feste provinciali", che - si sottolinea nell'interrogazione - "sono l'occasione per il Questore e il comandante dei Carabinieri per fare il punto sulla situazione dell'ordine pubblico e della criminalità nell'area di pertinenza, nonché per fornire aggiornamenti sullo stato di fenomeni rilevanti quale quello dell'immigrazione clandestina, temi di indubbio interesse per l'attività dei legislatori nazionali, proprio in queste settimane in discussione nelle aule parlamentari". All'esecutivo si chiede dunque di "uniformare le direttive di cerimoniale" per evitare "incomprensibili disomogeneità" e "ripristinare per i parlamentari un proficuo momento di ascolto delle problematiche della sicurezza sul territorio". (ANSA). 
Leggi il contenuto... (174 letture)


Giovanardi, cani antidroga al concerto di Vasco Rossi
Giovanardi, cani antidroga al concerto di Vasco Rossi Fare opera di intelligence a Modena (ANSA) - ROMA, 9 GIU - "Ma quale battuta, sono serissimo. Sapete cosa vogliono dire 220mila persone in un avvenimento di questo tipo sia dal punto di vista del consumo di alcol che da quello del consumo di droga? Bisogna evitare che gli spacciatori di tutta Italia convergano a Modena, fare opera di intelligence. Si spera che quelle 220mila persone vadano lì per ascoltare la musica e non per fare altre cose. Andate a vedere cosa succede in questi raduni, quante persone vengono fermate e arrestate per lo spaccio di droga. E' una roba impressionante. E' meglio prevenire per evitare problemi molto seri". Il senatore di "Idea" Carlo Giovanardi sottolinea così a Radio Cusano Campus la "necessità" che vengano mandati dei "cani antidroga al concerto di Vasco Rossi" a Modena. "Io vado sempre alla manifestazione degli Alpini, ma quelli manifestano alle 9 del mattino e poi vanno via. Qui invece alle 23 si tratta di far defluire 220mila persone. Se hanno fumato, sono drogati o hanno bevuto è un problema. Noi prima ci strappiamo le vesti per quello che è accaduto a Torino, poi non preveniamo. Bisogna evitare che ci siano persone non controllabili, in condizioni alterate da alcol o droga, che poi possano creare dei pasticci. Vorrei sapere chi è che polemizza su questo, chi è tanto imbecille da polemizzare sul fatto che davanti a un evento simile si debbano prevenire tutti gli eventuali pericoli". "Non ce l'ho con Vasco Rossi, avrei detto le stesse cose per qualsiasi altro cantante. Siamo in un periodo di terrorismo, in un periodo in cui sono accadute cose come quelle di Torino. Pensate solo ai servizi igienici per 220mila persone. Non è mica un problema da poco. Io non dico che non si debba fare il concerto, l'aereo è partito, ma vediamo di farlo atterrare nella massima sicurezza. Ormai l'abbiamo visto, basta un cretino che faccia un urlo per creare il caos. Dobbiamo assicurarci che chi va a quel concerto siano persone non in preda ai fumi dell'alcol o non fatte", conclude. (ANSA). BSA-COM 09-GIU-17 12:55 NNN
Leggi il contenuto... (663 letture)


Vasco Rossi, Giovanardi (Idea Popolo E Liberta')
Predisporre eccezionali misure anti alcol e anti droga
"Impedire l'arrivo a Modena da tutta Italia di spacciatori" (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 08 GIU - "L'aereo del concerto di Vasco Rossi e' gia' decollato, il vero problema e' di farlo atterrare in sicurezza con i suoi duecentoventimila passeggeri ed una intera citta' che si trovera' a fronteggiare l'arrivo, la permanenza e il deflusso nella notte di un numero cosi eccezionalmente alto di spettatori". Lo afferma in una nota il Senatore modenese di IDEA Popolo e Liberta' Carlo Giovanardi. "E' necessario pertanto, anche alla luce di quanto accaduto a Torino, che vengano prese misure radicali e straordinarie, con attivita' investigativa preventiva da qui al primo luglio, per impedire l'arrivo a Modena da tutta Italia di spacciatori e successivamente la presenza capillare dei reparti antidroga dei caschi verdi della finanza e dei Carabinieri che impediscano, anche con l'aiuto di unita' cinofile, l'entrata di droga nell'area interessata dal concerto. Altrettanta attenzione va riservata alla proibizione dell'uso di alcol, non soltanto impedendone l'entrata nell'area del concerto, ma anche impedendone la vendita da asporto in tutto il territorio comunale per quella giornata". (com/onp) 145408 GIU 17 NNNN
Leggi il contenuto... (413 letture)


Gay:Giovanardi, bambini nel carrello spesa, che dice sindaco?
(ANSA) - ROMA, 3 GIU - "Le foto diffuse del gay pride di Reggio Emilia mostrano bambini seminudi in un carrello della spesa circondati da persone più o meno vestite. Sarebbe interessante sapere se questa è l'ennesima provocazione o una allusione alla nota rivendicazione dell'ala più oltranzista del movimento LGBT a favore delle adozioni dei bambini e all'acquisto degli stessi attraverso l'utilizzo della ripugnante pratica dell'utero in affitto da parte di coppie omosessuali (pratica egualmente aberrante se praticata da coppie eterosessuali). Ancora più interessante sarebbe conoscere le opinioni del Sindaco di Reggio Emilia e degli amministratori con la fascia tricolore che con la loro partecipazione al Pride hanno avvallato queste rivendicazioni che nulla hanno a che fare con il rispetto dei diritti e la lotta contro le discriminazioni". Lo afferma il senatore di Idea Carlo Giovanardi. 


Leggi il contenuto... (437 letture)


WHITE LIST DA RIVEDERE. ECCO LE MIE BATTAGLIE IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

Leggi il contenuto... (223 letture)


EPITAFFIO PER IL DEFUNTO NCD
Leggi il contenuto... (234 letture)


CANNABIS: GIOVANARDI, 'REPUBBLICA' TOLGA LIBERALIZZAZIONE DA LEGGI URGENTI
CANNABIS: GIOVANARDI, 'REPUBBLICA' TOLGA LIBERALIZZAZIONE DA LEGGI URGENTI
Roma, 31 mag. (AdnKronos) - "Il quotidiano Repubblica, in un fondo che porta l'autorevole firma del direttore Mario Calabresi, annuncia una compagna giornaliera perché il Parlamento approvi, prima della fine della legislatura, sette provvedimenti per i quali mancherebbe soltanto il voto finale". Lo dice il senatore di Idea, Carlo GIOVANARDI. "Al di là delle questioni di merito sui singoli provvedimenti, nell'elenco è stata inserita anche la liberalizzazione della cannabis - sottolinea GIOVANARDI - che non soltanto non è al voto finale, ma non è stata esaminata in Aula neppure da un ramo del Parlamento, attualmente è in commissione alla Camera". "Mi appello alla onestà intellettuale del direttore Calabresi perché dall'elenco vengo depennato questo oggetto, non soltanto controverso e divisivo, ma che non ha nessuna possibilità di essere approvato prima della fine della legislatura", conclude il senatore centrista. 
Leggi il contenuto... (227 letture)


Legge elettorale: Giovanardi, i tempi li decide il Parlamento
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Da vice Presidente della Camera e da Ministro dei rapporti con il Parlamento ho sempre saputo che il calendario dei lavori parlamentari lo stabiliscono le conferenze dei capigruppo di Camera e Senato, sentito il parere del Governo. Non mi sembra sia stata ancora approvata una riforma della Costituzione che riserva a Matteo Renzi il compito di dettare tempi e modi del lavoro del Parlamento, all'insaputa immagino di presidenti di Camera e Senato, addirittura fissando termini perentori per il varo di una riforma elettorale delicata e il più possibilmente condivisa". Lo scrive in una nota Carlo Giovanardi, senatore di Idea Popolo e Libertà. (ANSA). PDA 30-MAG-17 19:30 NNN
Leggi il contenuto... (190 letture)


AL MAKP 100 DELL'ACCADEMIA MILITARE DI MODENA
 

Anche quest'anno (nella foto con il Sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli) ho partecipato alla toccante cerimonia del passaggio della stecca dei cadetti al Corso "TENACIA", che tra 100 giorni verranno promossi sottotenenti dell'Esercito e dell'Arma dei Carabinieri.
Ho manifestato cosi, come cadetto d'onore dell'Accademia Militare di Modena, la mia vicinanza e e la mia solidarietà alle Forze Armate Italiane impegnate in Italia e nelle missioni all'estero a promuovere la pace e combattere il terrorismo.
Leggi il contenuto... (255 letture)


Senato: Aula ufficializza nuovo gruppo di Quagliariello, FdL
Senato: Aula ufficializza nuovo gruppo di Quagliariello, FdL 
(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "I senatori Francesco Aracri, Andrea Augello, Giovanni Bilardi, Cinzia Bonfrisco, Luigi Compagna, Michelino Davico, Ulisse Di Giacomo, Serenella Fukcsia, Carlo Amedeo Giovanardi, Gaetano Quagliariello, hanno comunicato di costituire il gruppo parlamentare denominato Federazione della Libertà (Idea Popolo e Libertà PLI)". Lo ha detto in Aula al Senato la presidente di turno Rosa Maria Di Giorgi. La presidente ha comunicato inoltre che è stato indicato come presidente del gruppo il senatore Quagliariello, mentre i vicepresidenti saranno le senatrici Bonfrisco e Fukcsia e il tesoriere il senatore Davico. Pertanto Augello, Compagna, Davico, Giovanardi e Quagliariello cessano di appartenere al gruppo Gal. Bonfrisco e Fukcsia cessano di appartenere al gruppo misto; Aracri cessa di appartenere a Forza Italia; Bilardi e Di Giacomo escono da Alternativa popolare. (ANSA).
Leggi il contenuto... (214 letture)


PREMIO SPECIALE "BENE COMUNE 2017"
Il Senatore Carlo Giovanardi riceve il premio dal Presidente Jacopo Coghe 

Con grande onore e piacere ho ricevuto sabato 20 maggio a Roma il premio speciale "Bene Comune 2017" per la categoria "Politica", assegnato da CitizenGo e Generazione Famiglia a chi si è particolarmente distinto nella promozione del bene comune in Italia. 
Sono stati premiati anche il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni per la categoria "Pubblica Amministrazione", il professor Massimo Gandolfini per la categoria "Attivismo Civico - Famiglia", la dottoressa Costanza Miriano per la categoria "Giornalismo e Social-media", la dottoressa Virginia Coda Nunziante per la categoria "Attivismo Civico - Vita", la dottoressa Federica Picchi per la categoria "Imprenditoria", il professor Giuseppe Noia per la categoria "Scienza".
Leggi il contenuto... (679 letture)


RESTO DEL CARLINO MODENA 21.05.2017
 
Leggi il contenuto... (374 letture)


VIDEO DELL'INTERVENTO DEL SEN. GIOVANARDI IN DIREZIONE NAZIONALE DEL PDL




 
Leggi il contenuto... (2265 letture)


GIOVANARDI A TUSCANIA PER LANCIARE LIBERATI

Leggi tutto L'articolo, da "Nuovo Viterbo Oggi" del 27 maggio 2009
Leggi il contenuto... (2537 letture)


''QUOZIENTE FAMILIARE ENTRO LA LEGISLATURA''
FAMIGLIA CRISTIANA-
INTERVISTA CON IL SOTTOSEGRETARIO CARLO GIOVANARDI
Leggi il contenuto... (3171 letture)



   Sede di ROMA
 
Clicca qui per leggere i recapiti della nuova sede dei Popolari Liberali
 
 

   Adesione
   
 

   Referenti
 

 
 

   Bacheca
 
Orietta: 💣 *CAMPAGNA DI MAIL BOMBING* 💣 &#...
DE MATTEIS COSIMO : Caro Senatore, da anni la stimo sia come politi...
cosimo de matteis, brindisi : L’uscita di Giovanardi da NCD –non una scelta capo...

Scrivi/leggi i messaggi sulla nostra bacheca
(2590 messaggi presenti)
 
 

   Old Articles
 
Monday, 22 May
· RESTO DEL CARLINO MODENA 21.05.2017
Saturday, 20 May
· ZOOTECNIA. GIOVANARDI: ANIMALISTI E TG1 RISPONDANO DEI DANNI
Friday, 19 May
· NO A VEGLIE POLITICHE
Thursday, 18 May
· CENTRODESTRA: NASCE 'FEDERAZIONE DELLA LIBERTA'', NUOVO GRUPPO AL SENATO
· DA DIFENSORE A ACCUSATO
Wednesday, 17 May
· Comunali: Quagliarello e Giovanardi domani a Rignano
· Omofobia: Giovanardi, non ci lasciamo intimidire
· Tortura: Giovanardi, Idea si è astenuta su voto ddl
· Tortura: Giovanardi, cita in Aula caso Aldrovandi
· ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2017: RIGNANO SULL'ARNO

Articoli Vecchi
 
 

   Link consigliati
 
 
 

 

Copyright © 2006 Carlo Giovanardi - Contattaci - Amministrazione

Powered by dicecca.net - Web Site