News ed Eventi
 
Castelfranc Emilia sfidi sino in fondo il senso del ridicolo

IN IALIA I GAY SONO PIU' TUTELATI DELLE DONNE

ALTRO CHE LEGGE ZAN, CI SONO PAESI CHE I GAY LI CONDANNANO A MORTE

E' IDEOLOGIA NAZISATA. PERSEGUIBILE UN PARROCO CHE LEGGE IL VANGELO

COSI LA LEGGE SULL'OMOFOBIA UCCIDE LA LIBERTA'

LA CASSAZIONE DISCRIMINA GLI ETERO

L'ERRORE DELLA POLITICA ITALIANA È ESSERE SUCCUBE DEI MAGISTRATI

Disegno legge Zan: nessuno usi i bambini

ATTIVITA' CHIARE E MOTIVI OSCURI QUI A MODENA

Pandemia, i numeri separati dalle opinioni

Legge Zan, vigliacchi o calunniatori?

'Assurdo vaccinare i giovani prima degli anziani'

Il Bianco e il Nero, Giovanardi: "Scanzi furbetto". ​Buttiglione: "Si punt

Legalizzare la Cannabis ricreativa? No grazie

LA SINISTRA CREO' IL CAOS STATO-ENTI LOCALI

IL GOVERNO GIALLOROSSO HA IGNORATO I CONSIGLI DELLE AMBASCIATE ITALIANE

I bambini “comprati” vengano dati in adozione

Sanremo, da Fiorello e Achille Lauro una offesa alla Fede e alle vittime della P

GIOVANARDI E CASO WHITE LIST, CASELLATI RISCRIVE AL TRIBUNALE

Giovanardi: “Attaccano destra, Csm e il cittadino onorario Di Matteo : un capola

CUCCHI, IL SUPERTESTE E LA RELAZIONE CHE NON C'E'

L'ISLAM CI INVADE CON LE CONVERSIONI OBBLIGATORIE

PERCHE' VANNO ASSOLTI I MILITARI IMPUTATI PER LA MORTE DI CUCCHI

CUCCHI, LE CAPRIOLE DEL TESTIMONE CHE ACCUSA I CARABINIERI

Ambiente: caro Draghi servono passi avanti non balzi all’indietro

POCHE MINISTRE? AMEN

SUI COGNOMI SBAGLIATO IMPORRE SCELTE CONFLITTUALI

ABERRANTE NEGARE LE STRAGI DI TITO, IL PIU GRANDE STERMINIO IDEOLOGICO

CONTRORIVOLUZIONI

Cent’anni fondazione del Pci, quella fetta d’Italia che non ha conosciuto l’alte


Archivio news
 
 


Serena Bortone scambia le unioni civili per nozze. Il sospetto di Giovanardi: “I

Serena Bortone scambia le unioni civili per nozze. Il sospetto di Giovanardi: “Ignoranza o propaganda?”

Serena Bortone

«Le parole sono importanti», tuonava infuriato Nanni Moretti in un monologo di un suo fortunato film. Alla Rai, invece, le parole non sono più tanto importanti. Autori e conduttori le buttano ormai alla rinfusa. Come nel vecchio gioco di società, Scarabeo. L’ultima riprova arriva dalla trasmissione di Serena Bortone su Rai Uno, andata in onda lunedì 2 novembre.

Lo fa notare Carlo Giovanardi, in una conversazione con il Secolo d’Italia. «Ma avete visto cosa è andato in onda lunedì pomeriggio su Raiuno?», chiede l’ex senatore del centrodestra tra lo sconcertato e il rassegnato. «Serena Bortone, che conosco come giornalista preparata, ha ospitato una coppia gay presentandola come una coppia di sposi». L’osservazione di Giovanardi parte da un presupposto tecnico, che ormai anche la tv di Stato pare avere dimenticato. «In Italia non esistono le nozze gay. Esistono le unioni civili che hanno tutta un’altra normativa. Perché confondere così superficialmente le acque?».

Ecco, la domanda che solleva l’ex parlamentare è chiara. «Perché un servizio pubblico presenta due signori vestiti come a un Gay pride come sposi?». Giovanardi avrebbe anche la risposta maliziosa. «Perché se una coppia è unita in matrimonio, il passaggio successivo è chiaro. La coppia può chiedere legittimamente di adottare un bambino. E l’utero in affitto sarebbe l’inevitabile conseguenza». Dunque, per Giovanardi la presentazione dei due signori presentati come “uniti in matrimonio” non sarebbe un errore di superficialità, ma una strategia della rete diretta da Stefano Coletta. «A quanti spettatori è stata data lunedì pomeriggio un’informazione fuorviante e scorretta dalla tv di Stato?», ci chiede Giovanardi.

Serena Bortone dia retta almeno a Nanni Moretti

Abbiamo cercato gli ascolti della puntata della trasmissione condotta dalla Bortone, Oggi è un altro giorno. La risposta è presto detta. Quella informazione scorretta è stata data a due milioni di telespettatori, pari al 14 per cento di share. Una puntata dedicata quasi interamente alla morte di Gigi Proietti, con il finale riservato appunto ai signori Massimo e Gino. Uno in rosso con la veletta e la parrucca biondo platino, l’altro rigorosamente in bianco. Un servizio dedicato al loro “matrimonio” e poi gli “sposi” in studio, emozionati e felici. Nessuno ha spiegato che le “nozze civili” sono cosa ben diversa da un matrimonio. Insomma, per quale motivo buttare le parole così alla rinfusa, con tanta superficialità? Fatelo notare a Serena Bortone. E, si badi bene, non a nome di Giovanardi, ma di Nanni Moretti.  


 
   Vota l'articolo
 
Punteggio medio: 4
Voti: 1


Per cortesia spendi un secondo per votare questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
 

   Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 

 

Copyright © 2006 Carlo Giovanardi - Contattaci - Amministrazione

Powered by dicecca.net - Web Site