News ed Eventi
 
IL CANDIDATO TRANS MANDA IN TILT LA SINISTRA: COME VA CONSIDERATO?

Quel vuoto lasciato dagli Stati Uniti in Afghanistan

COSI CI COSTRINSE A INVENTARCI IL CCD

Foibe, così Barbero si chiama fuori correttamente da ogni polemica

Foibe: la parte giusta, quella sbagliata e chi sbagliava dalla parte giusta

Fiume narrata attraverso i francobolli

Carlo Giovanardi NELLE FOIBE FINI' CHI SI OPPOSE AL REGIME DI TITO

TUTTI I FRANCOBOLLI DI FIUME AL MUSEO DELLA CANTIERISTICA

NON ESISTE NESSUN REVISIONISMO DI STATO

MA QUESTO SCEMPIO SI POTEVA EVITARE...

Un premio Oscar al comico afgano Nazar Mohammad

ECCO PERCHE' ROMA É COPERTA DI RIFIUTI

4 agosto 2016: il giorno della vergogna del Senato della Repubblica

IL SENATO MANDO' IN GALERA UN INNOCENTE

Strage di Ustica, è tempo di fermare le fake news

LA STORIA D'ITALIA E LE RADICI CATTOLICHE

IL CAOS FU CERCATO. NON DAL GOVERNO

ACCADEMIA, SI DEL MINISTERO ALLA TARGA PER I DUCHI

Un sesso diverso per l’università? Inconcepibile

'Unimore vara l'identità percepita: roba da Scherzi a parte'

IL COLLE VAL BENE UN VOTO PER IL DDL ZAN

Ddl Zan, qualche domanda per lo chef Bottura

Sponsor e Gay pride: il coraggio non ce lo si può dare… (di E.Roccella)

PETIZIONE - PROVITA & FAMIGLIA

Unicredit finanzia i Gay Pride blasfemi. Giovanardi a Pro Vita & Famiglia

Giovanardi tg4 26 giugno 2021, TRAGEDIA DI USTICA

Giù le mani dai bambini: mi scrive la signora Judit Varga, ministro della giusti

Unicredit conferma appoggio al Gay pride. E Giovanardi cambia banca

IL GEN. CIALDINI NON FU DI CERTO UN GRANDE EROE

Da Scajola una lezione di diritto costituzionale


Archivio news
 
 


Sponsor e Gay pride: il coraggio non ce lo si può dare… (di E.Roccella)

Il caso

Sponsor e Gay pride: il coraggio non ce lo si può dare… (di E.Roccella)


Ricordiamo tutti, in una scena imbarazzante di qualche anno fa, il povero Guido Barilla costretto a scusarsi davanti alle telecamere per aver osato sostenere che i suoi prodotti li vende prevalentemente alle famiglie con mamma, papà e figli, e quindi la sua pubblicità era indirizzata a quel pubblico. Ricordiamo il vecchio, delizioso spot in cui la ragazzina che torna da scuola raccoglie un gattino sotto la pioggia e gli dà, appunto, una famiglia, una casa. Per quelle parole l’imprenditore fu massacrato, non dai consumatori, bensì dai media e dalle grandi reti di distribuzione, che minacciarono, soprattutto negli Usa, di ostracizzare la pasta Barilla se l’azienda non cambiava la sua comunicazione. Da allora le cose sono molto peggiorate. Nessuno può ormai esimersi dall’introdurre negli spot coppie gay, baci tra persone dello stesso sesso, oltre naturalmente a persone di etnie diverse, anche se tutto questo non c’entra niente con il prodotto. Non si fa rispondendo a logiche di mercato, costruendo cioè le campagne pubblicitarie sul proprio target di riferimento, ma solo per obbedire ai diktat del pensiero dominante: lo si fa per paura. Paura di ritorsioni, non da parte dei poveri consumatori, del tutto impotenti e ignorati, e nemmeno da parte delle minoranze che si vogliono “includere” (è questo il verbo magico con cui si coprono le operazioni di obbedienza timorosa). Il pensiero che accompagna la rivoluzione antropologica in atto è veicolato dai grandi media, trasmesso attraverso politiche aziendali rigide, con corsi di formazione ad hoc e minacce di licenziamenti, favorito da operazioni di boicottaggio e no-platform, da esclusioni e distruzioni di carriere accademiche, da shit storm organizzati e linciaggi sul web che non risparmiano nessuno (basta vedere come è stata trattata una scrittrice amata e popolare come la Rowling). La spinta vera a tutto questo è data da poteri verticali, transnazionali e non controllabili dai vecchi meccanismi democratici, ed è questa divaricazione tra élite invisibili e popolo che ha dato origine ai movimenti sovranisti.
E’ dunque abbastanza ovvio, anche se un po’ patetico, che ci sia la corsa a sponsorizzare i gay pride, a mettere bandiere arcobaleno ovunque, a dichiararsi (come fanno noti influencer foraggiati da Amazon e simili) a favore della legge Zan e della fluidità di genere. Non discutiamo la legittimità di queste scelte, anche se spesso è evidente che si tratta solo di allinearsi al pensiero dominante per quieto vivere. Va bene quindi che Unicredit sponsorizzi il gay pride di Milano, e illumini con i colori dell’arcobaleno la propria sede centrale; nessuno contesta questa scelta, né entra nelle motivazioni dell’istituto, che si dichiara “orgoglioso di supportare il pride”.
E’ lecito, però, fare quello che ha fatto Carlo Giovanardi, e cioè chiedere alla propria banca spiegazioni. Qualche domanda semplice semplice: l’Istituto è d’accordo con tutto quello che è stato detto e mostrato durante la parata milanese? E’ d’accordo, cioè, con le pesanti parodie di Gesù Cristo, con le immagini blasfeme, con gli attacchi al Vaticano, con la pratica dell’utero in affitto? Se non lo è, sarebbe bene segnalarlo, dissociandosi non dal gay pride, ma almeno da alcuni atteggiamenti dei partecipanti. Ma la risposta di Unicredit, oggi presieduta dall’ex ministro Padoan (che ricordavamo come un moderato, non certo un militante pro gender, alfiere della blasfemia e dello sfruttamento delle donne povere) è stata secca e burocratica: “promuovere un ambiente che accoglie diversità di pensiero e di idee permette di soddisfare al meglio le esigenze dei clienti”; si tratta di “inclusione”, ovviamente, ed è “parte integrante della nostra cultura aziendale”. Giovanardi ha preso atto, e ha spostato i suoi conti altrove. Anche noi prendiamo atto, e anche se non ci rassegniamo, comprendiamo: come diceva don Abbondio, “il coraggio, uno,  se non ce l’ha, mica se lo può dare”.


 
   Vota l'articolo
 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per cortesia spendi un secondo per votare questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
 

   Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 

 

Copyright © 2006 Carlo Giovanardi - Contattaci - Amministrazione

Powered by dicecca.net - Web Site